EcoTyre: Raccolta straordinaria fino a 300.000 pneumatici a Dicembre

EcoTyre ha deciso di mettere in campo uno sforzo aggiuntivo per raccogliere fino a 300.000 Pneumatici Fuori Uso (PFU) in più rispetto a quanto pianificato nelle ultime settimane di dicembre. Questo si è reso necessario a fronte dell’aumento delle richieste di ritiro da parte delle officine che, se da un lato è causato dall’improvvisa ondata di maltempo che ha spinto molti consumatori al cambio gomme, dall’altro evidenzia un fenomeno che ormai caratterizza le ultime settimane dell’anno: quello degli PFU fuori-target. In sostanza i Consorzi come EcoTyre che si occupano dell’avvio al corretto recupero degli PFU lavorano per raccoglierli e raggiungere un target che è pari al 100% degli pneumatici nuovi immessi sul mercato nazionale dai propri soci. Nonostante questo, a fine anno “compaiono” PFU aggiuntivi rispetto alla somma dei target previsti dai singoli Consorzi.

L’aspetto più preoccupante di questo fenomeno deriva dal fatto che gli pneumatici in eccedenza non sono stati contabilizzati all’ingresso sul mercato nazionale e quindi su di essi non è stato applicato il contributo ambientale, che per legge copre i costi di avvio al recupero e le relative imposte. Da anni EcoTyre denuncia questo fenomeno di evasione e ha deciso di contrastarlo in due forme.

Da un punto di vista strutturale il Consorzio è stato tra i promotori dell’Osservatorio sui flussi illegali di Pneumatici e PFU che ha lanciato “Cambio Pulito” la piattaforma di whistleblowing per la segnalazione riservata e anonima di situazioni di irregolarità e illegalità – come la vendita “in nero” di pneumatici. Per far fronte all’emergenza, invece, EcoTyre intensificherà gli sforzi di raccolta nell’ultima fase dell’anno.

“Per chi, nel nostro settore, lavora nella legalità – spiega Enrico Ambrogio, Presidente di EcoTyre – veder ripetersi il problema degli PFU fuori target è molto più di un campanello d’allarme. Dimostra che i flussi di pneumatici venduti “in nero”, non dichiarati oppure non raccolti, sono ormai una costante a cui deve essere data una risposta concreta. Noi di EcoTyre abbiamo deciso di dare un contributo tangibile, intervenendo con una raccolta straordinaria con l’auspicio che da parte di tutti si compia uno sforzo decisivo per eliminare queste situazioni di illegalità e irregolarità. L’obiettivo immediato è evitare che gli PFU rimangano a terra e possano diventare un’emergenza, attraverso abbandoni incontrollati nell’ambiente. Quindi interverremo in modo massiccio per garantire che fino a 2 milioni e mezzo di kg di PFU non diventino rifiuto a rischio ma si trasformino in risorsa. Nel farlo abbiamo deciso di favorire quelle officine che hanno deciso di mettere la legalità al centro del proprio operato”.

Chi è EcoTyre
Il Consorzio EcoTyre ha sede a Vinovo (TO) e vanta una consolidata esperienza nella gestione delle filiere dei materiali di ritorno. Il Consorzio svolge la sua attività di raccolta in modo capillare su tutto il territorio nazionale, grazie a una struttura snella e dinamica che gli consente di rispondere velocemente alle richieste dei propri Soci, di garantire la certezza del ritiro degli PFU presso i punti di raccolta e di limitare, parallelamente, l’aumento dei costi e dei tempi di intervento. Oltre a fornire i servizi logistici di raccolta, il Consorzio si assume, per conto di importatori e produttori di pneumatici, la responsabilità della gestione degli PFU. Il Consorzio, inoltre, è in grado di dialogare con una voce unica presso tutte le sedi di confronto istituzionale, ponendo quesiti e rappresentando le istanze dei propri soci.

Altre news dai Punti Sostenibili (Archivio)

Rischia la chiusura l’unico spazio a Roma dedicato al baratto e al riuso di beni utili ai bimbi

Un negozio dedicato al baratto e al riuso di articoli per bambini, che permette alle

Redazione 19-01-2018

Ma alla fine, l’azienda Novamont produce sacchetti bio o no?

Non sembra placarsi la polemica sui sacchetti di bioplastica che negli ultimi giorni ha investito

Redazione 18-01-2018

Nei terreni di Cascina Nosedo: 18 nuovi progetti di impresa per l’agricoltura periurbana

Da un moderno impianto per la generazione di energia pulita, partendo dagli scarti organici agricoli

Redazione 17-01-2018

TERNA e LUISS: valorizzare la crescita dei migliori talenti

Valorizzare la crescita dei migliori talenti ad alto potenziale attraverso il reclutamento e lo sviluppo del

Redazione 17-01-2018

Gruppo Hera: Energia pulita per la nuova “fabbrica” dei biopolimeri Bio-on

Bio-on, leader nelle tecnologie per la chimica eco-sostenibile e il Gruppo Hera, una delle principali multiutility

Redazione 16-01-2018

LA PROVENIENZA DEL GRANO DELLA PASTA BARILLA

Utilizzare materie prime di qualità per la produzione della pasta non è, per Barilla, solo

Redazione 16-01-2018

Eni: la società cinese Sinopec, prima al mondo nella raffinazione, utilizzerà la tecnologia EST

Eni ha venduto alla compagnia cinese Sinopec la licenza e il progetto di ingegneria di

Redazione 15-01-2018

CCPB partecipa a MARCA 2018: il biologico cresce nei prodotti a marchio GDO

La corsa del biologico continua soprattutto nel canale della grande distribuzione organizzata (GDO) e in

Redazione 15-01-2018