A Firenze dal 23 al 25 ottobre “Novo Modo – Responsabilità di tutti”

Firenze – Da venerdì 23 a domenica 25 ottobre la II edizione di “Novo Modo – Responsabilità di tutti”. Ambiente, società, economia, legalità: Novo Modo è un’occasione per dialogare sui temi centrali del nostro tempo. Un dialogo ed un confronto che avverrà attraverso lectio, seminari, workshop ed incontri: il programma al link  http://fcre.it/novo2/wp-content/uploads/2015/10/Programma-WEB1.pdf

Novo Modo vuole essere una modalità nuova di interrogarsi sulle sfide che ci troviamo a vivere, condividendo le esperienze e le capacità di diversi soggetti. Fare rete per analizzare i problemi e condividere soluzioni, nella consapevolezza che le crisi finanziaria, economica, ambientale, sociale e di democrazia non sono una indipendente dall’altra, ma che occorre una visione complessiva per cambiare rotta. Un luogo d’incontro di culture e punti di vista diversi, attraverso cui porre all’attenzione pubblica l’urgenza della relazione tra crisi climatica e crisi economica.

Chi sono i partner e cosa li unisce

Novo Modo è promosso da organizzazioni della società civile, dell’ambientalismo, della finanza etica e del mondo sindacale accomunati da una radicale critica al sistema economico, sociale, ambientale e culturale che ha portato alla moderna ‘crisi’ e da una condivisa idea di cambiamento.

I primi promotori di Novo Modo sono ACLI, ARCI, Banca Popolare Etica, Caritas Italiana, CISL, Fondazione Culturale Responsabilità Etica e Legambiente. Dalla seconda edizione si sono uniti anche Libera – Associazione, nomi e numeri contro le mafie, Fairtrade Italia, CTM Altromercato, Polo Lionello Bonfanti, Scuola di Economia Civile.

Il collante dei partner è la comune passione per l’umano, l’impegno per la buona politica, la determinazione a voler contribuire allo sviluppo del singolo, in un contesto comunitario, superando localismi e ancor più interessi personali. I Partner sono, in questo, uno stimolo reciproco, pur con sensibilità diverse e diversificate, ma che, nel loro insieme, affrontano la globalità delle più pressanti questioni che sfidano le coscienze, gli individui, e le collettività. Tutti i partner sono uniti nel porre al centro la persona titolare del diritto ad uno sviluppo equo, sostenibile globale.

Auditorium di Sant’Apollonia Via San Gallo 25 A – Ingresso gratuito