App per la raccolta differenziata presentata a Casoria: i dettagli

App per la raccolta differenziata presentata a Casoria: i dettagli

Mercoledì 7 luglio è stata presentata presso l’Aula consiliare del Comune di Casoria la nuova app di Casoria Ambiente, uno strumento utile che darà modo a tutti di avere informazioni sulla raccolta differenziata, sulle giuste modalità di conferimento dei rifiuti e di prenotare, in maniera veloce il ritiro degli ingombranti.

All’incontro con la stampa, organizzato dalla società Casoria Ambiente e che ha visto la partecipazione della stampa locale, delle associazioni e delle istituzioni del territorio, hanno preso parte il Sindaco di Casoria, Avv. Raffaele Bene, il Vice Sindaco con delega all’Ambiente Dott.ssa Paola Ambrosio, il prof. Pierluigi Rippa, coordinatore del corso di studi in Ingegneria Gestionale dell’Università Federico II.

La presentazione del progetto

“L’applicazione rientra in un percorso di digitalizzazione che abbiamo iniziato da alcuni mesi, anche con il cambio d’identità visiva di Casoria Ambiente, con il logo e il portale nuovo. Abbiamo fatto tanto in questi mesi sugli indumenti usati, gli olii esausti e le deiezioni canine, la nostra prossima sfida è migliorare l’annoso problema del ritiro dei rifiuti ingombranti”, ha dichiarato Massimo Iodice, amministratore unico di Casoria Ambiente, come riporta NapoliMagazine.

Questa applicazione darà modo ai residenti di visitare il calendario della raccolta differenziata che ha raggiunto il 54%, inviare delle segnalazioni e richiedere il ritiro dei rifiuti ingombranti. Per questo motivo è molto importante l’aiuto degli stessi cittadini perché grazie a loro si può fare la differenza. Il lancio di questa applicazione, inoltre, coincide anche con l’inizio della campagna di distribuzione dei kit per la raccolta differenziata in quattro punti della città (due a Casoria e due ad Arpino).

“Siamo uno dei pochissimi Comuni della zona a nord di Napoli che fornisce ancora le famiglie dei kit, sarà l’occasione per sensibilizzare i cittadini al download dell’applicazione”, ha concluso Iodice.