plastica

Arriva Circool, l’hub per il riciclo della plastica

Circool è un progetto innovativo, sostenibile e open source. Un nuovo hub per il riciclo creativo della plastica a Milano, molto presto attivo. L’idea dell’hub nasce grazie alla collaborazione tra We are urban! Milano e Il Vespaio, i due team creativi noti nel settore dell’ecodesign. Si tratta di un’iniziativa nata intorno a delle macchine, costruite grazie a Plastic Precious, per triturare i rifiuti in plastica e riciclarli. Ora queste macchine sono diventate open source, cioè aperte a tutti, grazie all’olandese Dave Hakkens che le ha ideate.

L’altra notizia è che due di queste macchine tritura plastica, saranno presenti a Fa’ la cosa giusta! la fiera sugli stili di vita sostenibili in programma a Milano per questo weekend.

Circool hub: a cosa serve

Ma cosa si potrà fare esattamente in questo hub? Possiamo pensare ad un vero e proprio regno dell’economia circolare, dove i rifiuti plastici trovano nuova vita. Uno spazio di oltre cento metri quadri, all’interno del Lido di Milano, dove i rifiuti vengono prima lavati, poi separati per tipologia di plastica e infine triturati con le macchine. Successivamente si passa alla fase più creativa, il materiale triturato viene infatti trasformato in oggetti e complementi d’arredo urbani, da mettere a disposizione della città. Nasceranno così nuove sedie, tavoli, panchine che potranno essere collocati nelle scuole e nelle sedi delle associazioni aderenti; ma anche nei parchi e nei luoghi pubblici individuati con il Comune di Milano.

Le macchine per triturare la plastica

In questo progetto le protagoniste sono le macchine per triturare la plastica, piccole ed economiche che, come dicevamo all’inizio, anziché essere brevettate, sono state rese open source, quindi a disposizione di tutti. In questo modo si è creata una comunità internazionale che le usa per piccole produzioni o per migliorare l’educazione su questi temi. Grazie all’attività de Il Vespaio, network di professionisti che si occupano di ecodesign, le macchine sono presentate ovunque, nelle scuole così come nelle aziende, per divulgare l’idea che riciclare è meglio.