Ascoli: raccolte 114 tonnellate di olio esausto in tre anni

Ascoli Piceno risponde con risultati eccellenti alla raccolta di olio vegetale esausto. Il successo dell’iniziativa è dovuto all’impegno del comune di Ascoli Piceno e alla consolidata collaborazione tra la società Ascoli Servizi- EcoInnova e Adriatica Oli.

Negli ultimi tre anni, i dati riportano una crescita esponenziale di raccolta, che raggiunge i 114 mila chili di olio utilizzato dai cittadini ascolani.

Con impegno e sensibilità ambientale, l’iniziativa è stata accolta positivamente, grazie alle campagne di comunicazione sul territorio. Sono stati coinvolti, inoltre, 3000 studenti delle scuole primarie che hanno aderito al progetto Olii@mpiadi.

La città di Ascoli Piceno, in base ai dati registrati, ha compreso l’importanza che assume la raccolta differenziata nell’impatto ambientale. Nella patria del fritto, l’olio viene utilizzato in grandi quantità, dunque lo smaltimento corretto evita il rischio che diventi corrosivo e inquinante.

Quali sono le conseguenze dello smaltimento errato dell’olio? Danni innanzitutto ambientali: basti pensare ad esempio che 4 kg di olio vegetale inquinano una superficie d’acqua grande come un campo di calcio. E danni alle abitazioni: a livello domestico, infatti, l’olio versato nei lavandini intasa le tubature, provoca disagi e obbliga all’uso di acidi corrosivi, a loro volta molto inquinanti per l’ambiente.

Adriatica Oli rimane a disposizione dei cittadini per continua aggiornamenti nel sito web www.adriaticaoli.com

L’olio non è biodegradabile nè organico, quindi se viene disperso in acqua crea uno spessore che impedisce ai raggi di solari la penetrazione causando elevati danni all’ambiente. Può diventare causa di mal funzionamento dei depuratori se raggiunge le falde acquifere, impedisce la formazione dei microorganismi per la crescita delle piante se penetra nel terreno.

Esistono aziende specializzate che, dall’olio esausto, ricavano diversi prodotti come lubrificanti vegetali per macchine agricole, biodiesel e glicerina per saponificazione.

Bastano pochi gesti quotidiani e si riesce a consentire la giusta salvaguardia dell’ambiente.

Altre news dai Punti Sostenibili (Archivio)

“Api e Orti”, i dati del progetto su 4 città

Nel 2017, grazie a un accordo fra Conapi-Mielizia e Legambiente ha avuto inizio il progetto

Redazione 15-02-2019

White torna a Milano dal 22 al 25 febbraio e punta sulla moda etica

La moda ama la sostenibilità o almeno le strizza l’occhio sempre di più. I tempi

Redazione 14-02-2019

Canapa Mundi – Fiera Internazionale della Canapa a Roma dal 15 al 17 febbraio

Tra le più grandi fiere del settore in Europa, Canapa Mundi, la Fiera Internazionale della

Redazione 14-02-2019

Salute, gusto e ambiente sostengono il “made in vetro”

Salute, gusto e ambiente sono i tre driver che spingono il “made in vetro”. Anno

Redazione 14-02-2019

Torna a Trento, dal 1 al 3 marzo, l’ottava edizione della Green Week

Torna l’ottava edizione della Green Week, che dal 1 al 3 marzo radunerà a Trento

Redazione 13-02-2019

Legambiente Emilia Romagna: presentazione dossier regionale sui pesticidi

Un lavoro in cui si metteranno in evidenza i dati di uso dei pesticidi, lo

Redazione 12-02-2019

Intesa tra Comune e ATM per il contenimento del rumore

Approvate le linee guida di un’intesa tra Comune e ATM per la predisposizione del Piano

Redazione 12-02-2019

“ReinvenTIAMO Roma”: un piano per la rigenerazione della città

Un progetto di rilancio della città a partire dal recupero degli edifici esistenti, con regole

Redazione 12-02-2019