metro Milano

Trasporti pubblici Milano: Sala blinda i prezzi dei biglietti Atm

Già da fine agosto è partito un acceso dibattito a seguito dell’annuncio dell’aumento dei biglietti e abbonamenti dei mezzi di trasporto pubblico Atm Milano. La maggiorazione dei tickets servirebbe a rispettare una norma della regione Lombardia, sull’adeguamento all’inflazione.

Su questo tema prioritario del mese di settembre il sindaco Giuseppe Sala è intervenuto, per sottolineare la volontà da parte del Comune di Milano di evitare l’aumento dei biglietti Atm.

Biglietti Atm Milano: Sala blocca gli aumenti

In occasione della Festa dell’Unità di sabato scorso, il sindaco di Milano ha avuto la possibilità di fare chiarezza sulla posizione di Palazzo Marino riguardo alla decisione di aumentare i biglietti dei mezzi di trasporto. Secondo il primo cittadino di Milano infatti il Comune è intenzionato a fare di tutto per scongiurare il ritocco dei tickets.

Anche Trenord ha già effettuato alcuni aumenti, ma il ritocco dei prezzi dei biglietti non è di fatto obbligatorio. Il Comune di Milano potrebbe quindi anche provvedere con risorse proprie.

Intanto Atm aveva annunciato che dal 1° settembre sarebbero scattati i i rincari sul costo dei biglietti e in particolare come dichiarato dalla società:

L’aumento delle tariffe consiste nel 3,82 % per determinati biglietti e abbonamenti e dell’1,91% per i ticket integrati. Il rincaro, infatti, riguarderà sia biglietti per corse singole e abbonamenti sia i ticket integrati “Io viaggio in Lombardia”, “Io viaggio in provincia” e “trenoincittà”.

Il sindaco Sala ha chiaramente spiegato che per Atm ci sarà un aumento di costi:

O li facciamo pagare con i biglietti o li pagherà la collettività in qualche modo.

Anche per questo si sta già pensando a una maggiore efficienza, al fine di risparmiare qualcosa. A questo punto però la discussione sull’aumento dei biglietti Atm è ferma e il tutto è rimandato ad ottobre, quando ci sarà un nuovo Governo. A questo si chiederà dunque di intervenire efficacemente con risorse straordinarie per evitare l’aumento.