Auto elettriche: la situazione attuale a Bologna

Auto elettriche: la situazione attuale a Bologna

A Bologna l’infrastruttura di ricarica per le auto elettriche si sta incrementando: alcuni automobilisti, però, hanno paura di essere troppo legati al sistema delle colonnine. “I tempi di rifornimento rappresentano l’handicap più grande, ma basta organizzarsi. Quando rientro a casa dopo lavoro l’auto sta ferma anche per 14 ore, c’è tutto il tempo per ricaricare. Grazie ai 3 kilowatt generati dai miei pannelli solari, in un pomeriggio posso ricaricarla di 60 chilometri. Ho la fortuna di abitare vicino ad una colonnina della comunità solare da 22 kw/ora, in un’ora e mezza posso caricare il veicolo”, ha dichiarato Michele Cattani, proprietario di una Zoe Renault simile alle vetture che compongono la flotta di car sharing “Corrente“, in un’intervista a Repubblica.

Appena ha messo le mani sul volante si è innamorato subito di questo veicolo: “Non solo hai la consapevolezza di fare bene all’ambiente, ma anche l’esperienza di guida è decisamente più piacevole: niente vibrazioni, né rumore. Secondo me, se uno la prova, non torna più indietro”.

La mobilità elettrica è fondamentale per diminuire le emissioni inquinanti in poco tempo: “Non mi sono mai trovato in difficoltà. Anche quando arriva al 2-3%, l’auto ha ancora una trentina di chilometri di autonomia. Ma in ogni caso non arrivo mai a quel livello: posso ricaricare in ogni colonnina, a prescindere dall’operatore”.

Come funziona Corrente

Ma come funziona Corrente? Innanzitutto bisogna registrarsi sull’appe: dopo averla scaricata dall’App Store o dal Play Store è necessario aprirla, inserire tutti i dati richiesti, optare per un metodo di pagamento e fare un selfie.

Dopo la verifica dei documenti (per le patenti estere il team si riserva fino a 10 giorni per convalidare la procedura di iscrizione) si può prenotare una vettura. Grazie al collegamento bluetooth si può semplicemente prenotare la vettura, avvicinarsi e sbloccare con un click.

Nel caso in cui il conducente prenda una multa questa è a suo carico e lo stesso accade anche in caso di incidente: anche se i veicoli sono assicurati, se la responsabilità fosse della persona che ha noleggiato, a questa verrà emesso un addebito di importo massimo pari alla franchigia di 500 euro.