Biorepack compostabili

Bando Biorepack, 15 i progetti vincitori, Calabria e Piemonte in testa

Biorepack – Consorzio nazionale per il riciclo organico degli imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile e ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani hanno selezionato 15 progetti che aiuteranno i cittadini a conoscere i vantaggi e le buone regole di riciclo e si divideranno i 200.000 euro previsti dal bando. Tutti le idee dovranno essere realizzate e concluse entro il 30 novembre 2024. A proporli, enti locali e soggetti da essi delegati alla raccolta rifiuti: 5 dal Nord, 3 dal Centro e 7 dal Sud e Isole.

I progetti spaziano da video multilingue realizzati con l’intelligenza artificiale per aiutare a riconoscere gli imballaggi compostabili a concorsi artistici per opere realizzate con materiali da avviare a riciclo organico; l’iniziativa “mythbusters” destinata a smontare fake news e leggende metropolitane dannose per la corretta raccolta differenziata e ancora facilitatori per le utenze commerciali, giochi interattivi con “robottini del rifiuto”, fiere educative per famiglie, spettacoli teatrali per bambini delle scuole primarie.

Anche quest’anno, come già nel 2023, il nostro bando per la comunicazione locale ha permesso di evidenziare la professionalità e le capacità di proposta presenti nelle diverse amministrazioni locali – ha commentato Marco Versari, presidente del consorzio Biorepack – L’elevato numero di candidature dimostra quanto sia sentita, da parte dei singoli territori, l’esigenza di effettuare campagne di comunicazione e sensibilizzazione sulla corretta gestione dei rifiuti organici.

Biorepack, grande partecipazione di Calabria e Piemonte

I progetti finanziati permetteranno di raggiungere un bacino di oltre milione e mezzo di cittadini e di più 50.000 studenti attraverso iniziative specificamente ideate per loro. La Regione con il maggior numero di soggetti che avranno accesso ai fondi è la Calabria, grazie alle proposte pervenute dalla Calabra Maceri e Servizi SpA, da Lamezia Multiservizi SpA e dal Comune di Jonadi. Segue il Piemonte, regione nella quale saranno finanziati i progetti di Amiat Spa e del Consorzio Chierese per i Servizi.

Gli scarti organici rappresentano una quota estremamente rilevante di tutti i rifiuti prodotti dai cittadini, pari a circa il 40% del totale – ricorda Versari – Le bioplastiche compostabili stanno dimostrando di essere un valido aiuto per aumentare qualità e quantità della raccolta, rendendola più agevole per i cittadini. Ma c’è ancora molto da fare per aiutare la popolazione a riconoscerle. Le diverse campagne e iniziative attuate nei territori grazie al bando Biorepack saranno quindi un tassello prezioso per proseguire nella direzione giusta, eliminando dubbi, errori e disinformazione.