Bologna ha il maggior numero di parcheggi per bici presso le stazioni ferroviarie

Bologna ha il maggior numero di parcheggi per bici presso le stazioni ferroviarie

È Bologna la città italiana che può contare il maggior numero di parcheggi per biciclette presso le stazioni ferroviarie: è quanto viene ufficializzato dal rapporto dell’Osservatorio Focus2R, promosso da Confindustria Ancma e Legambiente. Dopo il capoluogo emiliano troviamo Firenze, Ferrara, Treviso e Piacenza.

Si resta in Emilia-Romagna nella classifica della maggior quantità di percorsi ciclabili, commisurata al numero di abitanti: a trionfare è Reggio Emilia seguita da Cuneo, Cesena, Ravenna e Cosenza.

Firenze invece è la città italiana che ha il maggior numero di biciclette a noleggio per abitante, seguita da Milano, Mantova, Bologna e Bergamo; inoltre sono tanti anche gli abbonati a Pesaro, Brescia e Torino. Passando invece alle due ruote a motore, le città in cui si circola di più è Imperia, seguita da Savona, Pesaro, Catania e Trieste, tutti capoluogo marittimi. Infine a livello di parcheggi per le moto a primeggiare c’è Firenze, seguita da La Spezia, Savona, Bergamo e Bologna.

Altre news

Molto importante a Bologna, per restare in tema, è la Bicipolitana, la prima rete ciclabile metropolitana che, a partire dal capoluogo emiliano, collega tutti i principali centri abitati, poli produttivi e funzionali del territorio metropolitano.

Sono pronte le nuove corsie ciclabili, la tratta linea 2 sud Bologna-San Biagio e la tratta 3 Bologna-Zola Predosa. Nello specifico per la prima area si parla del percorso che unisce la zona Croce, i ponti della Filanda o di Pace fino a via Garibaldi, continuando su via Bixio, via Piave, via Martiri della Libertà, via Marconi, via Martiri di Piazza Fontana e infine sottopasso Modigliani.

I lavori sulla linea 3 ha invece reso disponibile il percorso che, passando sempre dalla Croce, continua lungo i ponti della Filanda o di Pace, via Garibaldi poi via Ugo Bassi, Meridiana, attraversando la pista ciclabile che corre a fianco della ferrovia Bologna-Vignola dalla stazione di Ceretolo fino a via Frescobaldi, al confine con Zola Predosa.

“Il percorso – ha detto l’amministrazione metropolitana – è stato realizzato utilizzando le cosiddette corsie ciclabili, opportunità recentemente introdotta nella normativa italiana (“Decreto semplificazioni” Legge n. 120/2020) che permette di sviluppare itinerari ciclabili anche dove, per evidenti limiti di spazio, non si possono realizzare infrastrutture dedicate alle due ruote”.