Bologna per Ucraina: le iniziative promosse da Matteo Lepore

Bologna per Ucraina: le iniziative promosse da Matteo Lepore

La Guerra in Ucraina prosegue senza sosta, per questo motivo il sindaco di Bologna Matteo Lepore ha fatto sapere che dalla città si cerca di fare il possibile per stare accanto al popolo ucraino.

Proprio per questo motivo è stata attivata una task force dedicata all’emergenza presieduta dall’assessore Luca Rizzo Nervo e sarà utile per dare risposte esaustive alle richieste di accoglienza e ai tanti cittadini che chiedono come poter aiutare. C’è una mail dedicata: BolognaperUcraina@comune.bologna.it. Scrive il primo cittadino nella sua pagina ufficiale di Facebook:

Da questa sera Palazzo Re Enzo sarà illuminata con i colori della bandiera dell’Ucraina.
A quanti mi chiedono in queste ore dove inviare contributi economici per la popolazione colpita dalla guerra, segnalo:
Il conto corrente aperto dalla Regione dell’Emilia-Romagna, indicando la causale “EMERGENZA UCRAINA” – al seguente Iban: IT69G0200802435000104428964.
Campagna di Unicef, Unhcr, Croce Rossa: è possibile fare una donazione mandando un sms al numero 45525.

Bologna per Ucraina: il sostegno di Lepore

Solo qualche giorno fa sempre Lepore ha voluto portare la vicinanza dei bolognesi al Parroco Mykhàilo Boiko e ai volontari della Chiesa di San Michele in vicolo Broglio, punto di ritrovo della comunità ucraina nel capoluogo emiliano. In questo punto c’è una raccolta di beni di prima necessità quali medicinali, garze, bende, cerotti, disinfettanti, guanti di lattice, siringhe, pannolini e pannoloni. Il tutto viene portato a Cattolica nel centro di raccolta Caritas e poi mandato in Ucraina. Conclude il sindaco:

Per il nostro Comune sta coordinando l’accoglienza dei profughi in arrivo l’Assessore Luca Rizzo Nervo. Nell’incontro di questa mattina in Prefettura abbiamo messo a disposizione tutti i posti disponibili, circa 200 a livello metropolitano. Un lavoro che proseguirà nei prossimi giorni insieme agli altri comuni e alla Curia. Voglio ringraziare particolarmente Luca che, in quanto parlamentare, si è attivato in questo weekend nei confronti del Governo che oggi ha sbloccato altri 13.000 posti dei centri straordinari che potranno essere attivati dai Prefetti (CAS) e un potenziamento di ulteriori 3.000 posti del sistema di accoglienza e integrazione (SAI).