caro energia

Caro energia: il Gruppo A2A in campo per sostenere i propri clienti

Il caro energia pesa sempre più sulle tasche degli italiani, le bollette raddoppiano lasciando l’amaro in bocca a chi già risparmia su tutto. A2A Calore e Servizi, visto il perdurare della situazione di criticità legata alla volatilità dei mercati energetici, ha deciso di intervenire anche nel primo trimestre dell’anno 2023 a favore dei propri clienti di Milano, Brescia e Bergamo.

Il Gruppo terrà bloccata, fino al 31 marzo 2023, la componente del prezzo del teleriscaldamento legata al PUN (Prezzo Unico Nazionale) che valorizza l’utilizzo del calore generato da fonte non fossile a 200,721 €/MWh (valore di inizio 2022 che nel mese di dicembre ha superato mediamente i 300 €/MWh). Qualora il valore mensile del PUN, nel trimestre di riferimento, risultasse inferiore, verrà comunque applicato il valore reale stabilito dal Gestore del mercato elettrico.

Si stima che questa misura, totalmente volontaria, permetterà un risparmio medio di circa 144 euro per famiglia-tipo nel solo primo trimestre dell’anno rispetto al tradizionale riscaldamento a gas.

Caro energia e legge di bilancio 2023: riduzione dell’IVA

All’interno della manovra del Governo è stato inserito un importante intervento a sostegno del teleriscaldamento che prevede l’applicazione dell’IVA ridotta al 5% per i consumi del primo trimestre 2023 (gennaio-febbraio-marzo) equiparando il trattamento già previsto per il riscaldamento a gas.
A2A Calore e Servizi informa che le fatture emesse nel mese di gennaio 2023 saranno riferite solo ai consumi fino al 31 dicembre 2022, riportando le aliquote IVA fino a ora applicate.

Che cos’è il teleriscaldamento?

Conveniente, sicuro e sostenibile, il teleriscaldamento è un sistema affidabile ed efficiente per riscaldare le case che rispetta l’ambiente e utilizza risorse disponibili sul territorio. Stop alla tradizionale caldaia che viene sostituita da uno scambiatore di calore che permette di scaldare gli ambienti e di produrre l’acqua calda. Il calore viene prodotto in impianti che impiegano fonti rinnovabili, cogenerazione o che lo recuperano da cicli produttivi industriali e di trattamento dei rifiuti.