CCPB: cosa cambierà per i consumatori dopo il voto sulla Brexit?

Cosa cambierà per i consumatori e per le tante aziende italiane che esportano prodotti biologici nel Regno Unito? Una domanda figlia degli interrogativi e delle preoccupazioni che tutto il mondo si fa dopo il voto sulla Brexit, l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea.
Dal momento che l’agricoltura bio è un metodo di produzione e un mercato normato da regolamenti comunitari, come organismo di certificazione lavoriamo ogni giorno con le istituzioni e le norme dell’Unione. Da questo osservatorio privilegiato possiamo dire per prima cosa che ci vorrà molto tempo.
Secondo lo Statuto della UE l’uscita del Regno Unito diventerà operativa non prima di due anni, ma sono in tanti a ipotizzare che la discussione di tutti gli accordi politici e commerciali potrebbe impiegare molto tempo. Tanti fanno previsioni, sui media, sui social, nelle conversazioni quotidiani, ma è molto difficile avere un’idea precisa.
A questa incertezza è però possibile affiancare uno scenario più probabile, proprio sul biologico. Il Regno Unito verosimilmente stringerà con l’Unione Europea un accordo di equivalenza: prodotti bio certificati nel Regno Unito potranno essere commercializzati nell’Unione Europea e viceversa. Accordi simili sono già in vigore tra Europa e Stati Uniti, Giappone, Canada, Svizzera e molti altri paesi.
Per i consumatori italiani non cambierà molto: nelle etichette dei prodotti britannici che arriveranno nei supermercati e negozi italiani, non sono molti ad essere sinceri, si potrà leggere la provenienza, esattamente come già accade ora.

Allo stesso modo alle aziende, soprattutto quelle che esportano prodotti bio italiani nel Regno Unito, che sono tante, si ipotizza non verranno richiesti particolari adempimenti in più rispetto ad oggi. Anche Soil Association, la principale organizzazione di certificazione delle produzioni biologiche del Regno Unito, si è dichiarata “very disappointed” nei confronti della Brexit, e ha assicurato che lavorerà con il Governo perché quelle garanzie espresse nel regolamento europeo sia mantenute anche in futuro.
Se la vita di milioni di persone cambierà dopo il 23 giugno, per il mondo del biologico le novità saranno minime.

Per altre informazioni www.ccpb.it/blog/2016/06/27/brexit-agricoltura-biologica

Altre news dai Punti Sostenibili (Archivio)

Co.Re.Ve: 5 regole per riciclare bene il vetro, anche in vacanza

Un’estate all’insegna della sostenibilità? Sì grazie. Secondo un recente studio Ipsos il tema dell’ecologia è

Redazione 01-08-2019

A Milano parte la sperimentazione della micromobilità elettrica

L’Amministrazione ha dato il via alla sperimentazione della micro mobilità elettrica e ha definito le

Redazione 31-07-2019

Dal 31 luglio in libreria due nuovi volumi Slow Food Editore

Due opere molto diverse tra loro ma unite nei valori della territorialità, della tradizione e

Redazione 30-07-2019

Parco dei Castelli Romani: restaurato e riaperto il boschetto delle Faete

Giovedì 25 luglio 2019, terminate le attività di restauro, è stato riaperto alla Cittadinanza il

Redazione 30-07-2019

Report Spiagge 2019: legambiente presenta dati e storie su spiagge libere e concessioni

Qual è lo stato di salute ambientale e turistico delle coste italiane e il diritto

Redazione 29-07-2019

Cittadinanzattiva Lazio su Piano Territoriale Paesaggistico Regionale: si tuteli anche il Centro Storico

“Il percorso del Piano Territoriale Paesaggistico Regionale è quasi alla sua definizione legislativa. Ma le

Redazione 29-07-2019

Le ultime dal Parco dell’Appia Antica: eventi e chiusure estive

Il Parco Regionale dell’Appia Antica vi aspetta per una passeggiata fotografica nella valle della Caffarella,

Redazione 26-07-2019

GIFFONI FILM FESTIVAL 2019 ASSEGNATO IL PREMIO CIAL PER L’AMBIENTE

È una produzione cilena del 2018, realizzata in collaborazione con il Brasile e il Qatar,

Redazione 26-07-2019