Donna e cistite

Cistite: sintomi, cause, prevenzione, cure

La cistite è una patologia che interessa la vescica. Si tratta di un’affezione di tipo infiammatorio, per la quale risultano a disposizione di chi ne soffre dei trattamenti medici come anche diversi rimedi naturali.

Questa malattia può colpire sia gli uomini che le donne, sebbene queste ultime siano decisamente più esposte a tale rischio. Ciò accade essenzialmente per questioni anatomiche e fisiologiche.

Negli uomini è presente un’uretra più lunga, che aumenta la distanza tra gli accessi esterni e le vie urinarie. Da considerare anche l’azione antibatterica delle secrezioni prostatiche. Entrambi i sessi sono esposti a un maggiore rischio nel corso degli anni.

Sintomi della cistite

I sintomi della cistite possono essere diversi, a cominciare dalla pollachiuria. Ciò si traduce nella necessità di urinare più volte al giorno, ben oltre la norma.

A questo può accompagnarsi un’improvvisa interruzione del getto, senza che ciò sia voluto dal paziente. Inoltre non è raro che in questi casi le urine risultino maleodoranti. Altrettanto frequente la possibilità che l’espulsione sia accompagnata da bruciore o dolore o che l’eccessiva contrazione muscolare possa portare a disuria (difficoltà a urinare).

Malgrado i sintomi sia di per sé sufficienti a indirizzare il proprio medico verso una diagnosi di cistite, un esame delle urine permetterà di individuare l’eventuale ceppo batterico coinvolto. Lo scopo sarà quello di valutare l’entità del problema e capire come intervenire in maniera mirata.

Se adeguatamente trattata la cistite tende a durare solo pochi giorni. Di solito occorre all’incirca una settimana per la completa regressione del problema. Se i sintomi dovessero protrarsi consultare quanto prima il proprio medico curante.

Cause

Conoscere le cause della cistite può contribuire a prevenire il disturbo. Innanzitutto partiamo dal presupposto che nella quasi totalità dei casi l’origine del problema è di natura batterica.

Principale indiziato è l’Escherichia coli, ma può capitare che le cause siano da ricondurre ad altri agenti patogeni o germi. L’arrivo alla vescica avviene per propagazione degli organi vicini, attraverso i vasi sanguigni o più probabilmente per risalita lungo le vie urinarie.

Cistite: è trasmissibile?

La cistite non risulta trasmissibile in via diretta. Esiste la possibilità però che il batterio che l’ha originata abbandoni l’ospite per migrare verso un altro organismo. Ciò può accadere in occasione dei rapporti sessuali o qualora il soggetto colpito presenti una scarsa igiene delle mani.

Fattori di rischio e prevenzione

La già citata scarsa igiene delle mani rappresenta al contempo un veicolo di trasmissione e un fattore di rischio. Se per chi ne è affetto può rappresentare lo strumento di diffusione, nei soggetti sani espone alla possibile infezione batterica e quindi alla malattia conseguente.

La prevenzione della malattia passa anche per la conoscenza di questi fattori di rischio, così da mettere in atto comportamenti più salutari o effettuare controlli periodici specifici.

Tra le abitudini a rischio figura l’utilizzo di assorbenti interni, così come la scarsa igiene intima. È consigliato l’utilizzo di qualsiasi misura volta a evitare di contrarre malattie sessualmente trasmissibili, altro possibile fattore per l’insorgere della cistite. Esiste poi un elenco di condizioni e patologie che possono favorire l’infiammazione:

  • Abbassamento delle difese immunitarie;
  • Affaticamento e spossatezza;
  • Catetere urinario;
  • Corpi estranei all’interno della vescica, quali ad esempio formazioni tumorali o calcoli;
  • Diabete;
  • Diverticoli;
  • Ipertrofia prostatica.

Cistite in gravidanza

In gravidanza l’insorgenza di cistite risulta più frequente. I possibili rischi sono legati a problematiche di sviluppo del feto o un parto prematuro.

Camomilla infuso rimedi naturali

Cure per la cistite

La cistite viene solitamente trattata con terapie antibiotiche. Il medico potrebbe procedere con un farmaco ad ampio spettro nella fase iniziale, salvo poi scegliere farmaci mirati in un secondo tempo. Importante in questo caso sarà l’esito delle analisi delle urine.

In alcuni casi si ricorre all’utilizzo di farmaci antispastici o antidolorifici.
Escluso l’uso di Tachipirina, a meno di stato febbrile.

Rimedi naturali contro la cistite

In caso di cistite grave il ricorso al medico è senz’altro consigliato. Nei casi più lievi è possibile utilizzare alcuni rimedi naturali. Ne esistono di molto efficaci, anche in ottica di prevenzione della malattia.

Mirtillo rosso americano

Il mirtillo rosso americano è ricco di flavonoidi, antociani e vitamine, grazie ai quali risulta efficace contro la cistite. Fa sì che i batteri non riescano ad attaccarsi alle cellule epiteliali presenti nelle vie urinarie.

Bicarbonato

Molto apprezzato contro la cistite l’utilizzo del bicarbonato durante il bidet. Sono sufficienti due cucchiai, da sciogliere nell’acqua tiepida con cui si detergerà la parte sensibile.

Uva ursina

L’uva ursina è uno dei rimedi naturali contro la cistite più consigliati. È apprezzata per la sua azione antisettica, legata alla presenza di acidi fenolici, arbutina e flavonoidi.

Camomilla

Impossibile non citare la camomilla, utile soprattutto ad attenuare i sintomi della cistite. Il suo infuso può essere bevuto, per ridurre i tempi di guarigione.

In alternativa può essere utilizzato freddo per l’irrigazione vaginale. In questo secondo caso serviranno due cucchiai di fiori per un litro d’acqua.

D-mannosio

Il D-mannosio è uno zucchero semplice, ma dal grande potenziale. Alcuni lo ritengono capace di contrastare i batteri impedendone l’adesione alle vie urinarie. Si assume principalmente tramite integratori, non oltre i 2,5 grammi al giorno. Si trova in misura limitata in alcuni frutti, come ad esempio pere e mele.

Limone

Il limone viene indicato come rimedio naturale contro le cistiti batteriche. Può essere utilizzato anche in combinazione con una tisana a base di camomilla.

Malva

La tisana alla malva è consigliata contro la cistite per le sue proprietà antinfiammatorie. Anche in questo caso è possibile combinarne l’effetto a quello della camomilla.

Acqua

Tra tutti i rimedi naturali contro la cistite il migliore è forse l’acqua, la cui assunzione riduce la carica batterica nella vescica. In caso di cistite è consigliato il consumo di almeno 2 litri al giorno.

Alimentazione

Veniamo infine all’alimentazione. Si consiglia di evitare l’assunzione di latte fresco, mentre è ammesso lo yogurt. No anche ai cibi ricchi di zuccheri o lievitati. Da ridurre in generale il consumo di caffè e alcolici.

Sì alla verdura a foglia verde e alla frutta, meglio se non acida. Utile anche consumare bietole da asparagi, finocchi e lattuga. Come primo piatto può essere consumato del riso, meglio se integrale. Per secondo evitare la carne rossa.