Cohousing Roma

Cohousing, un nuovo modo di abitare per condividere spazi ed esigenze

Il cohousing è un modo nuovo di abitare dedicato a tutti grazie al quale più nuclei familiari decidono di vivere insieme in un casale o in una palazzina o in un complesso di villini. Esattamente significa risiedere congiuntamente, appartamenti privati ma spazi, servizi ed esigenze condivisi. Un modello sviluppato soprattutto dalla Toscana in su ma replicabile in ogni località, basta superare un concetto di proprietà così come lo viviamo noi italiani. Lo scopo è il raggiungimento della sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

Il cohousing è un’alternativa vantaggiosa, rispetto all’acquisto immobiliare individuale perchè permette di realizzare la casa dei propri sogni facendo convergere il risparmio energetico, le energie rinnovabili, la bioedilizia, all’interno di un contesto condominiale improntato sulla condivisione, collaborazione, vicinanza.

Cohousing, come funziona

Parliamo intanto di condominio elettivo dove si possono conoscere in anticipo (opportunità rara) tutti i futuri vicini di casa, basato su un modello di partecipazione attiva, sull’aiuto reciproco e sulla volontà di mettere in compartecipazione competenze e tempo.

Si può decidere di partire da zero costruendo su un terreno appena acquistato oppure ristrutturare un casolare o ancora comprare più unita abitative già edificate. Insieme si sceglie come utilizzare gli spazi condivisi e quali potrebbero essere le necessità dei nuclei familiari. Condividere vuol dire anche liberare la propria abitazione, la zona lavanderia può essere in sharing, gli amici si possono ricevere nel salone comune, le bollette (internet, elettricità, riscaldamento) si possono abbassare grazie alla scelta di un unico operatore, una parte del verde esterno può trasformarsi in orto biologico dove ognuno lavora secondo capacità e disponibilità per riempire la dispensa di tutti, una zona può essere adibita al coworking con professionalità diverse per confrontarsi anche dal punto di vista lavorativo, si può costituire un GAS – Gruppo d’acquisto solidale e avere prodotti freschi e a buon prezzo direttamente presso il proprio domicilio.

Condividere per non sentirsi soli

Dal punto di vista sociale il cohousing permette a ciascuno di superare la propria solitudine che può farsi viva anche all’interno di una famiglia, e soprattutto in città è importante avere una rete di relazioni su cui contare per le commissioni, per i piccoli guasti in casa, per vedere un film e commentarlo, per trascorrere insieme le festività fermo restando che la privacy va sempre rispettata e che il coabitare deve tramutarsi in un valore aggiunto. Forte deve sentirsi piuttosto il senso di appartenenza ad una piccola comunità che rende tutti più sicuri.

Ecco altri esempi di spazi comuni realizzabili:

  • sale per feste;
  • sala riunioni;
  • laboratori artigianali/artistici/cucina;
  • sala benessere;
  • palestra;
  • sala lettura e biblioteca;
  • parco giochi;
  • banca del tempo;
  • aree per animali.

Il cohousing a Roma

L’associazione Cohousing Roma – Vicinato Elettivo, attiva su Roma e provincia, supporta gruppi di persone e famiglie nella partecipazione a gruppi di acquisto immobiliare in cohousing attraverso percorsi che possono portare all’acquisto di immobili e servizi in maniera compartecipata, responsabile ed attiva.
Per entrare a far parte del gruppo romano potete visitare il sito cohousingroma.it o chiamare il 351.7161628.