Dal 14 gennaio 2022 vietati piatti e bicchieri di plastica monouso

Il 14 gennaio 2022 non sarà più possibile utilizzare piatti, bicchieri e posate in plastica usa e getta. A partire da questa data entrerà in vigore la direttiva approvata dalla Comunità Europea per ridurre le microplastiche nei mari. In pratica sarà possibile acquistare solamente prodotti in plastica riutilizzabile o biodegradabile.

Cos’è la direttiva antiplastica

La direttiva che entrerà in vigore in Italia tra pochi giorni si chiama Sup (Single use plastic), ed è stata approvata, con un’ampia maggioranza in Senato già nel mese di aprile 2021. La direttiva 904/Ce del 2019, che dà il via alla rivoluzione green, vieta tutti i prodotti realizzati in plastica monouso, ma anche i prodotti in plastica oxo-degradabile e gli attrezzi da pesca contenenti plastica.

La direttiva definisce di plastica monouso tutti i prodotti “realizzati interamente o parzialmente in plastica, a eccezione dei prodotti realizzati in polimeri naturali non modificati chimicamente”.

Quali prodotti di plastica sono vietati con la direttiva Sup

Il 14 gennaio 2022 è una data importante da segnare. Da questo giorno infatti non potremo più acquistare piatti e posate monouso in plastica, ma non solo. A questi prodotti si aggiungono anche:

  • i palloncini e i bastoni che li sostengono,
  • i contenitori per bevande con capacità fino a tre litri,
  • tappi e coperchi, tazze e contenitori per bevande in polistirolo espanso,
  • bottiglie per bevande con capacità fino a tre litri,
  • posate (forchette, coltelli, cucchiai, bacchette),
  • cannucce e borse di plastica.

Saranno vietati inoltre gli attrezzi da pesca che contengono plastica, al fine di salvaguardare la fauna ittica.

Con questa norma l’Unione Europea intende proseguire l’ambizioso obiettivo di ridurre i rifiuti del mare della metà e le microplastiche del 30% entro il 2030.