Donne e finanza da urlo: raccontare il protagonismo femminile nell’economia e nella società

Lunedì 8 marzo 2021 alle ore 18 su Attiviamo Energie Positive, piattaforma di webinar lanciata durante il primo lockdown da Produzioni dal Basso con Banca Etica, Etica sgr e Assimoco – Banca Etica presenta “Donne finanza da Urlo”: un ciclo di podcast con la voce di Paola Maugeri realizzati con Donne all’Ultimo Grido per raccontare le storie di donne celebri e non che hanno scritto e stanno scrivendo la storia del protagonismo femminile nell’economia, nella finanza e nella società. Un modo per celebrare la giornata internazionale delle donne che coincide con il 22° compleanno di Banca Etica!

Intervengono:

Anna Fasano, presidente di Banca Etica – Ricette per una finanza alleata della parità di genere

Claudia Segre, presidente di Global Thinking Foundation – Il ruolo dell’educazione finanziaria per l’empowerment femminile

Claudia Fiaschi, portavoce del Forum per il Terzo Settore – Il ruolo del Terzo Settore per l’inclusione femminile

Modera: Morena Rossi, ideatrice del progetto di empowerment femminile Donne all’Ultimo Grido, che racconta anche il progetto “Donne e Finanza da Urlo”.

Secondo un recente report pubblicato dallo European institute for gender equality, il miglioramento dell’equità di genere porterebbe a un aumento del Pil pro capite dell’Ue dal 6 al 9 per cento. Numeri che offrono un’idea di quanto la transizione verso un modello paritario sia economicamente rilevante oltre che necessaria sul piano sociale. L’Italia è notoriamente uno dei Paesi europei che ha ancora molto strada da compiere verso politiche che promuovano un’effettiva parità e inclusione delle donne: il tasso di occupazione femminile per contribuire alla rigenerazione del paese in Italia è fermo al 48,5% contro il 64,5% europeo, e l’Italia è agli ultimi posti per l’educazione finanziaria soprattutto delle donne. Ma tanto si sta muovendo anche da noi, dove cresce ogni giorno il movimento che chiede che le risorse del Recovery Plan siano utilizzate anche per promuovere la partecipazione attiva delle donne al mercato del lavoro, attraverso investimenti nei servizi sociali e di cura che rispondono ai bisogni più pressanti delle famiglie, creano occupazione femminile e liberano le donne da alcuni degli impegni familiari che storicamente ostacolano la loro indipendenza economica e realizzazione professionale.

“E’ tempo di agire per una sempre più piena inclusione finanziaria al femminile – dice Anna Fasano, presidente di Banca Etica – . Banca Etica ha avviato un percorso: si è data regole per garantire la presenza femminile nel consiglio di amministrazione e – soprattutto – vuole rafforzare sempre più l’accesso al credito per le donne. Ad oggi il 45% dei clienti che hanno ottenuto un prestito da Banca Etica sono donne; il 49,1% dei conti correnti aperti presso Banca Etica sono intestati a donne; il 29% delle imprese finanziate da Banca Etica nel 2020 sono imprese femminili. Possiamo fare qualche confronto con i dati forniti dalla Banca d’Italia sul sistema italiano nel suo complesso: le imprese artigiane gestite da donne sono il 14% del totale delle imprese che ricevono prestiti dalle banche italiane e utilizzano il 13% prestiti; tali quote salgono tra la clientela di Banca Etica rispettivamente al 30% e al 23%. Le Famiglie consumatrici non artigiane gestite da donne e che godono di un prestito da una banca sono il 26% e ricevono il 23% del credito; tra la clientela di Banca Etica esse rappresentano rispettivamente il 36% e il 35%. Anche Etica sgr, società di gestione del risparmio del Gruppo Banca Etica, seleziona le imprese su cui investire anche in base a una valutazione sull’attenzione alla parità di genere. Ma vogliamo fare di più e meglio”.

Per dare voce alle tante esperienze di finanza etica al femminile che in questi 22 anni hanno accompagnato la crescita di Banca Etica, abbiamo lanciato, in collaborazione con Donne all’Ultimo Grido, “Donne e Finanza da Urlo” un progetto di storytelling che si articola in una raccolta di storie online e in un ciclo di podcast condotti da Paola Maugeri, giornalista e conduttrice appassionata di ambiente e stili di vita sostenibili. Le storie si possono leggere qui: https://www.bancaetica.it/donnefinanza

🎧I podcast saranno disponibili su Deezer, Spotify, Apple Podcast, PodCast Addict, PodChaser, Jiosaavn, Google PodCasts, iheartRadio, Castbox e Spreaker. La prima puntata sarà on line l’8 marzo.

——————————————-

Banca Etica è la prima e ancora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, opera da 22 anni su tutto il territorio nazionale attraverso una rete di filiali, consulenti di finanza etica e grazie ai servizi di home e mobile banking. Banca Etica raccoglie il risparmio di organizzazioni e cittadini e lo utilizza interamente per finanziare progetti finalizzati al benessere collettivo. Oggi Banca Etica conta 44 mila soci e 77 milioni di capitale sociale; una raccolta di risparmio di 2 miliardi di euro e finanziamenti per oltre un miliardo a favore di iniziative di organizzazioni, famiglie e imprese nei settori della cooperazione e innovazione sociale, cooperazione internazionale, cultura e qualità della vita, tutela dell’ambiente, turismo responsabile, agricoltura biologica, diritto alla casa, legalità. Il Gruppo Banca Etica è composto anche da Etica Sgr, società di gestione del risparmio che propone esclusivamente fondi comuni di investimento etici e che oggi gestisce un patrimonio di 5,4 miliardi di euro. La Rete di Banca Etica include la Fondazione Finanza Etica che promuove iniziative di studio e sensibilizzazione sull’educazione critica alla finanza e realizza attività di advocacy ed engagement, anche attraverso l’azionariato critico, di cui è pioniera in Italia.