Ecco i 3 vincitori di sana novità 2015 fra oltre 300 prodotti in gara

Bologna – Frullato biologico di Bioitalia, nell’Alimentazione; Bio Hair Gloss di Montalto Bellezza Bio, nel Benessere; ed ex aequo, nella categoria Altri prodotti naturali, Linea Goji del L’Erbolario e Grembiule Stop Eating The World di Io Non Ti Mangio S.r.o. Sono loro i vincitori di SANA Novità 2015, scelti dal pubblico per l’innovazione nel packaging e nel concept fra gli oltre 300 prodotti in gara nei tre settori merceologici rappresentati al Salone internazionale del Biologico e del Naturale.

Per le aziende vincitrici BIORFARM offre l’adozione digitale di un albero di agrumi delle colture ad agricoltura biologica del sud Italia, situate sullo Jonio calabrese. Ad ogni albero si può dare un nome e partecipare alla cura ed al raccolto con la garanzia che questo sarà spedito in azienda entro 24/48 ore, così da poter essere condiviso fra i dipendenti. BIORFARM è la prima piattaforma web che consente di adottare e regalare alberi da frutta online, seguirne lo sviluppo e la coltura biologica, mediante un account personale, con il PC o qualsiasi dispositivo mobile, e riceverne i frutti a casa. Pluripremiata, Biorfarm è una startup tra le più innovative del panorama italiano.

Sono invece la Crema vegetale Linea StraVeg di DNABIO srl (Alimentazione), il Dissuasore Biodinamico D8 – Cinghiale di AGRI. BIO. PIEMONTE (Altri prodotti naturali) e il Dentifricio calendula, malva e potassio di Victor Philippe  (Benessere) i vincitori di “Coup de Coeur”, il nuovo premio ideato da BolognaFiere per identificare e dare un riconoscimento ai tre prodotti già in gara per SANA Novità, che hanno maggiormente colpito “al cuore” le blogger ufficiali di SANA 2015. Ogni blogger ha incoronato il prodotto, riferito al settore in cui è esperta, per originalità o per packaging accattivante. Le giurate sono Giulia Giunta, food blogger su La Mia Cucina Vegetale e cuoca vegana, Anna Simone, sociologa ambientale e autrice dell’eco blog Ecospiragli.it, e Laura Bindi, appassionata di cosmesi ed autrice del blog NaturalmenteLalla.

Queste le motivazioni:

GIULIA GIUNTA, Alimentazione:
“StraVeg bio di Dnabio è un preparato per crema vegetale spalmabile gluten free, pronta in 1 minuto, a base di ingredienti naturali e vegetali: riso, frutta secca (noci, pistacchi, pinoli), erbe aromatiche, spezie, sale rosa dell’Himalaya. È un prodotto in polvere, disidratato, che si prepara in modo facile e veloce aggiungendo semplicemente acqua e olio extravergine d’oliva. Mi ha colpito per l’originalità dell’idea, ma soprattutto per la praticità e la velocità di preparazione, che rappresenta un grosso vantaggio per chi ha poco tempo da dedicare alla cucina. A differenza dei formaggi e creme vegetali fresche che vanno tenute in frigo e sono a breve scadenza, si conserva a temperatura ambiente e ha una durata di 12 mesi. Ho avuto modo di assaggiarlo ed è molto buono in tutte e tre le varianti: erba cipollina, sapore mediterraneo e orientale”.

ANNA SIMONE, Altri prodotti naturali:

“È una soluzione biodinamica, quindi a base di un mix di sostanze vegetali e animali del tutto naturali, che irrorata sul terreno tiene lontano i cinghiali. L’ho scelto perché la massiccia presenza di questi animali su vaste aree del territorio italiano è diventato un problema da risolvere. In breve: a partire dagli anni ’50 il numero di cinghiali sul territorio nazionale era diminuito sensibilmente quindi si è pensato di introdurre specie non autoctone. Purtroppo è stato fatto qualche errore perché ora ci troviamo con una eccessiva popolazione di cinghiali che provoca danni. Il dissuasore biodinamico argina il problema tenendo lontano questi animali dai terreni su cui viene cosparso. Ogni applicazione agisce dopo tre giorni e dura vari mesi, il costo è contenuto, inoltre il contenitore in vetro può essere riutilizzato. A mio avviso è un prodotto ecologico e innovativo”.

LAURA BINDI, Benessere:

“Tutti i prodotti in gara sono meritevoli di vincere, ma questo nello specifico mi ha colpita perché troviamo in commercio tantissimi prodotti per la cura dei capelli e del corpo, ma sono davvero pochi quelli finalizzati all’igiene orale. Il consumatore si trova quindi a doversi “accontentare” di referenze che non lo soddisfano del tutto, o che dichiarano ingredienti naturali senza avere alcuna certificazione. Molti consumatori scelgono il dentifricio senza pensarci, in realtà è tra i prodotti più utilizzati tra quelli dedicati all’igiene personale quotidiana. Premio questo dentifricio per la scelta dell’azienda di far ricorso a un’ingredientistica non a derivazione animale e dall’ottimo profumo, non invasivo e delicato”.

Altre news dai Punti Sostenibili (Archivio)

A RomaEst il riciclo diventa arte con la mostra dell’artista Jane Perkins

Sensibilizzare le coscienze, ispirare le buone abitudini quotidiane, attivare iniziative concrete di sostenibilità e ancora godere

Redazione 16-07-2019

Oltre 421.000 tonnellate di RAEE avviate al trattamento nel 2018

Nel corso del 2018 gli impianti di trattamento iscritti all’elenco obbligatorio gestito dal Centro di

Redazione 16-07-2019

COMMUNITY E NATIVA SIGLANO UN “MEMORANDUM OF INTERDEPENDENCE”

Community Group, il gruppo fondato da Auro Palomba leader italiano nella consulenza strategica nella reputazione

Redazione 15-07-2019

Coldiretti sugli ultimi dati Istat: vacanze +35% agriturismi in Lombardia

Sono 1.688 gli agriturismi in Lombardia con un aumento del 35% rispetto al 2009. E’

Redazione 15-07-2019

Un grande successo per le Case dell’acqua di ACEA: bevi e ricarichi

Roma ha tante peculiarità e una su tutte è certamente la presenza delle fontanelle sparse

Redazione 15-07-2019

Radio Rock per i suoi 35 anni si regala la sostenibilità ambientale

Ha montato, presso la propria sede, un impianto di moduli fotovoltaici che consente alla storica

Redazione 12-07-2019

2° Conferenza nazionale delle Green City a Milano il 16 luglio

La 2^ Conferenza Nazionale delle Green City sarà dedicata al tema “Green city, adattamento climatico

Redazione 12-07-2019

#Usaegettanograzie: Legambiente contro l’inquinamento da plastica monouso

Sulle spiagge italiane incrociamo ben 10 rifiuti ogni passo secondo l’ultima indagineBeach litter 2019di Legambiente

Redazione 11-07-2019