Ecorubrica: “Territorio urbano. Prevenzione e salvaguardia” di Mario Tozzi

Un altro lunedì dedicato agli approfondimenti firmati dai “protagonisti della sostenibilità”. E’ la volta di Mario Tozzi, Geologo e divulgatore scientifico.

Da sempre la domanda è la stessa: perché si torna a vivere dove il terremoto scuote la terra, dove il vulcano erutta o lo tsunami si gonfia? In passato molto spesso non si conosceva la vera natura di un vulcano. Ed è perfettamente comprensibile che non si pensasse al benché minimo collegamento fra alcune precise regioni della Terra e i terremoti. O che non si sapesse che questi potessero poi causare maremoti lungo le coste. Successivamente qualcosa cambia, specie in Giappone, un Paese dove hanno compreso, prima che nel Mediterraneo, che si tratta di un fenomeno naturale frequente come la pioggia o il vento. Da noi, invece, la cultura degli eventi naturali, nei fatti, non si è mai pienamente affermata e ancora oggi vengono chiamate catastrofi naturali quelle che sono in realtà causate esclusivamente dalla presenza o dagli atti dell’uomo. Le calamità naturali non esistono, esiste solo il naturale divenire di un pianeta attivo e dinamico e la nostra incapacità di tenerne conto.

I popoli che vivevano attorno ai vulcani di tutto il mondo sapevano bene che non si doveva vivere ai piedi di quelle montagne. Secoli fa però una giustificazione c’era: piuttosto che la certezza della morte per fame, era sempre meglio rischiare la fine a causa di una nube ardente, visto che la prima poteva avvenire in ogni stagione, mentre la seconda era una probabilità meno frequente. Inoltre i territori vulcanici sono per loro natura molto fertili per via degli elementi minerali nutrienti: perché allontanarsi da una fonte di vita? Infine le colate di lava o i tufi forniscono pietre da costruzione a buon mercato in grande abbondanza, materiali spesso rari o faticosi da procurarsi altrove. Dove c’è un vulcano ci sono, in pratica, maggiori opportunità economiche rispetto ad altre zone meno anche se lì si è costretti a puntare su progetti socio-economici a corta scadenza, che tendono a realizzare profitti prima dell’aggravarsi del rischio.

Sono regioni, quelle, in cui gli uomini sviluppano una certa resistenza all’impatto dei disastri attraverso un progressivo adattamento al rischio. Tutti questi buoni motivi potevano funzionare secoli fa e funzionano alla stessa maniera oggi nei Paesi del mondo più povero. Non sono più, invece, comprensibili nel mondo ricco contemporaneo e meno che meno in Italia, dove la costruzione di edifici abusivi fino quasi dentro il cratere del Vesuvio non ha alcuna scusante relativa alla fame ¬- per fortuna oggi assente – e ha un aggravante oggettiva nella grande disponibilità di informazioni sulla pericolosità delle pendici del vulcano a maggior rischio d’Italia. Il risultato paradossale è che oggi siamo più vulnerabili di ieri, nonostante tutto il nostro preteso progresso.

Altre news dai Punti Sostenibili (Archivio)

L’ASviS lancia il sito SaturdaysforFuture.it e invita a organizzare iniziative sul consumo

Far diventare il sabato, quando gran parte delle persone fa la spesa settimanale, il giorno

Redazione 12-09-2019

CCPB: SANA 2019, il biologico è la via sostenibile per l’agroalimentare

“Il biologico conferma la sua crescita sia nel mercato interno, sia nell’export. Nell’ultimo anno i

Redazione 12-09-2019

Roccolo Run, la corsa plastic free che raccoglie le scarpe usate per le missioni

Una corsa green in tutto. Inizialmente prevista a maggio e rinviata per maltempo, è in

Redazione 12-09-2019

Too Good To Go; l’app contro lo spreco alimentare arriva a Roma

To Good To Go, l’app che combatte lo spreco alimentare, arriva a Roma. Nata nel

Redazione 12-09-2019

ARRIVA A MILANO LA STRADA AL GRAFENE

Parte a Milano la sperimentazione dell’asfalto al grafene: Iterchimica, azienda italiana leader mondiale nel campo

Redazione 11-09-2019

ACCORDO CARREFOUR ITALIA E COLDIRETTI PER VALORIZZARE IL MADE IN ITALY

Carrefour Italia e Coldiretti annunciano l’arrivo nei punti vendita Carrefour Italia di un primo paniere

Redazione 11-09-2019

AIM e ATM organizzano l’incontro “Milano full electric. L’evoluzione del trasporto pubblico”

AIM – Associazione Interessi Metropolitani e ATM invitano a partecipare all’incontro “Milano full electric. L’evoluzione

Redazione 10-09-2019

Il Festival dell’eMobility a Palazzo Lombardia di Milano dal 26 al 28 settembre

Sono tre gli incontri di avvicinamento alla 3° edizione di e_mob, il Festival dell’eMobility in

Redazione 09-09-2019