Enel e Federdistribuzione per la mobilità elettrica

Enel e Federdistribuzione per la mobilità elettrica

Promuovere la diffusione della mobilità elettrica, posizionando punti di ricarica per fare il pieno di energia all’automobile mentre si fa la spesa o mentre si fa qualsiasi genere di acquisto: è questo uno degli scopi che ha portato Federdistribuzione ed Enel, attraverso la nuova divisione globale dedicata alla mobilità elettrica, a firmare un protocollo d’intesa che apre a progetti in chiave di transizione energetica.

“Attraverso l’accordo con Federdistribuzione puntiamo ad ampliare ulteriormente nei prossimi anni la nostra rete che conta più di 14mila punti di ricarica su tutto il territorio nazionale – ha detto Federico Caleno, Responsabile mobilità elettrica Italia – Si tratta di una partnership strategica che permetterà alle persone di sfruttare al massimo i benefici della mobilità elettrica ad esempio ricaricando il veicolo nei parcheggi di tutte le attività che fanno parte della rete di Federdistribuzione diffusi su tutto il territorio”.

I dettagli

Con una rete di 15.600 punti vendita e una vasta gamma di parcheggi che varia da diverse centinaia fino ad arrivare a 3mila posti per le strutture di grandi dimensioni, le aziende associate a Federdistribuzione possono contare su un potenziale di oltre 500mila posteggi a disposizione. Le stazioni di ricarica di Enel, grazie alle potenze differenti, permetteranno di dare vita ad una rete che soddisferà le esigenze di ogni cliente e permetteranno un ulteriore impulso alla crescita dell’e-Mobility in tutto il Paese.

“Pensiamo che la mobilità sostenibile sarà davvero una realtà quando entrerà nella quotidianità delle persone. 60 milioni di clienti, nonché cittadini, che entrano ogni settimana nei nostri punti vendita potranno contare sempre più nella disponibilità di punti di ricarica, fondamentali per contribuire a questa grande transizione verso i veicoli elettrici. Grazie alla tecnologia di Enel e alla nostra rete di negozi, possiamo puntare alla creazione di una vera e propria dorsale di stazioni di ricarica lungo tutta la Penisola. Questo accordo risponde, inoltre, a una precisa esigenza di impegno condiviso nella transizione energetica, in linea con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: occorre dare forma concreta a progetti secondo le direttrici tracciate dal piano, che ha bisogno di diventare realtà”, ha aggiunto Alberto Frausin, Presidente di Federdistribuzione.