Frutta verdura spesa dicembre

Fare la spesa a dicembre: frutta e verdura del mese

Fare la spesa a dicembre ci permette di entrare a pieno nel clima invernale, pregi inclusi. A partire da questo mese i prodotti naturali acquistati andranno sempre più verso l’attività di contrasto dei malanni tipici del periodo freddo. Ancora più frutta e verdura del mese rappresenteranno un ottimo modo per stimolare il sistema immunitario e alzare le difese dell’organismo.

Dicembre è per molte zone d’Italia il mese della neve, ma per tutti resta quello del Natale e/o del Capodanno. Le giornate sono un po’ più corte, mentre la spesa del mese non mancherà di sorprendere con un po’ di colore e tanti sapori più o meno tradizionali. Di certo, vitamine e sostanze nutritive saranno all’ordine del giorno per chi acquistare frutta e verdura durante le ultimissime settimane dell’anno.

Fare la spesa, la frutta di dicembre

La spesa di dicembre guarda ancora, come spesso accade, al mese precedente. Un periodo all’insegna della zucca e delle arance, come anche delle verdure crocifere. Passiamo però subito a quella che sarà la frutta disponibile per questo mese.

Innanzitutto le arance, già protagoniste della spesa di novembre e fonte importante di vitamina C. Molto comodi da mangiare anche fuori casa, questi agrumi fanno compagnia ai kiwi, che contengono tra le altre cose il doppio della vitamina C presente negli agrumi.

Particolarmente amate sono anche le mele, in particolar modo la mela rossa e la mela cotogna. Salutiamo l’uva, ma ritroviamo le pere, un po’ di frutta secca. Presenti anche diversi altri agrumi come pompelmi, mandarini, mandaranci, limoni, cedro e bergamotto. Nella lista della frutta del mese troviamo anche i cachi e le nespole.

Cachi

Cachi spesa dicembre

Malgrado la loro raccolta inizi a metà ottobre e tenda in diversi casi a terminare nel mese di novembre, non di rado i cachi arrivano a essere frutti tipici anche di dicembre. Con la loro polpa morbida e il gusto dolce e riconoscibile, questi alimenti si rivelano ottimi compagni di viaggio anche nel primo dei mesi invernali.

Come le arance, anche i cachi possono vantare un’interessante quantità di vitamina C. A queste associano un altrettanto valido contenuto di vitamina A (o per meglio dire del suo precursore, il betacarotene). Il ruolo di protagonista spetta però al potassio, di cui questo frutto è ricco e che lo rende potenzialmente un rimedio naturale con effetto diuretico. Presenti anche calcio, fosforo, magnesio, manganese, selenio e sodio.

Ai tannini devono invece le loro proprietà astringenti, mentre alla rilevante presenza di fibre si deve la loro efficacia come rimedi naturali contro la stitichezza. Molto utili anche per combattere lo stress e la stanchezza.

Fare la spesa, la verdura di dicembre

Anche per quanto riguarda la spesa di dicembre, le verdure del mese potranno contare soprattutto sulle crocifere, di cui fanno parte tra gli altri anche i broccoli, il cavolfiore e i cavoletti di Bruxelles.

Presenti anche le barbabietole, con il loro caratteristico colore rosso intenso. Torna come a novembre la zucca, così come gli spinaci e la valerianella. L’insalata viene soppiantata in questo finale dell’anno da finocchi, radicchio, indivia e sedano. Da non dimenticare la presenza dei carciofi, protagonisti delle tavole durante le festività natalizie e il cenone di Capodanno. Questo l’elenco di verdure e affini presenti nella spesa di dicembre:

  • Barbabietole;
  • Broccoli;
  • Carciofi;
  • Cardo;
  • Carote;
  • Cavolini di Bruxelles;
  • Cavolfiore;
  • Cavolo cappuccio;
  • Cavolo verza;
  • Cicoria;
  • Cicorino;
  • Crauti;
  • Finocchi;
  • Indivia;
  • Porro;
  • Radicchio;
  • Rafano;
  • Rapa;
  • Scorzobianca;
  • Scorzonera;
  • Sedano;
  • Songino o valerianella;
  • Spinaci;
  • Zucca;

Carciofi

Carciofi

Tannini, polifenoli e sali minerali sono soltanto alcuni degli elementi presenti all’interno dei carciofi. Molto apprezzati per il loro contenuto di ferro, questi ortaggi vengono spesso consigliati per contrastare eventuali casi di anemia.

Ai carciofi vengono riconosciute anche proprietà benefiche per il fegato, che aiutano tramite un’azione detox. Sono apprezzati anche per il loro effetto antiossidante e per le attività colagoghe, coleretiche e antilipidiche.

Frutta e verdura di dicembre, proprietà e benefici

Come visto anche nel mese di novembre, le proprietà e i benefici offerti dalla spesa di dicembre interessano soprattutto la protezione dai malanni invernali. Rafforzare le difese immunitarie e fare il pieno di vitamine e sali minerali sono i capisaldi della frutta e della verdura del mese.

Raffreddore, influenza e mal di gola sono tra i malanni tipici di questo periodo, contro i quali è possibile opporre le sostanze benefiche contenute negli alimenti del mese.

Grazie ad esempio ai quantitativi di magnesio presenti negli alimenti del mese sarà possibile contrastare anche eventuali episodi distanchezza, nonché ottenere un aiuto per mantenere alto l’umore.

Fare la spesa a dicembre, regole anti-spreco

Quando si parla della spesa di dicembre, i consigli per evitare gli sprechi diventano ancora più importanti. Questo perché inevitabilmente questo mese di finirà con il recarsi presso i negozi per l’acquisto dei cibi da preparare per i vari pranzi e cenoni. Ecco quindi che mostrarsi attenti e consapevoli si rivelerà un’ottima mossa sia per il benessere della Terra che per quello delle proprie tasche.

A cominciare dal consiglio forse più importante, ovvero quello di scegliere unicamente prodotti che verranno realmente consumati. Ciò vuol dire che rispettare gusti e preferenze dei membri della famiglia sarà un ottimo punto di partenza per risparmiare denaro e rifiuti organici.

Su questa linea anche il secondo suggerimento, che è quello di prestare particolare attenzione alle quantità. Evitare di esagerare con gli acquisti solo per seguire l’offerta del momento: il vantaggio iniziale potrebbe essere perso quando ci si troverà a gettare nell’immondizia gli alimenti non consumati.

Questo significa mangiare poco e sempre le stesse cose? Assolutamente no, nulla vieta di assaggiare di tanto in tanto qualcosa di nuovo, ma è bene che questi “assaggi” avvengano acquistando quantità limitate. In questo modo si farà sempre in tempo ad acquistare ulteriori quantità di frutta e verdura in caso di gradimento, mentre al contrario non si sprecherà cibo nel caso in cui il tentativo non vada come sperato. Attenzione infine alla scadenza dei prodotti, evitando di comprare più alimenti di quelli che possono essere consumati entro tale data.