fauna selvatica

Fauna selvatica, sì alla caccia in città dal Governo Meloni

Si chiama “caccia selvaggia” l’emendamento alla Legge di Bilancio che prevede l’abbattimento della fauna selvatica per motivi di sicurezza stradale in città e nelle aree protette.

Una proposta che arriva dal Governo Meloni e che ha sollevato immediatamente le proteste delle ong animaliste Enpa, Lac, Lav, Legambiente, Lipu, Wwf. Secondo tale emendamento infatti è possibile contenere la fauna mediante abbattimento e cattura degli animali selvatici che sempre più si incontrano nelle aree urbane.

Fauna selvatica e caccia selvaggia: l’emendamento alla legge di Bilancio

Volpi, cinghiali, aironi, gabbiani, piccioni è lunga la lista degli animali che popolano le nostre città e che sempre più spesso è possibile incontrare, per esempio vicino ai cassonetti. Se l’emendamento “caccia selvaggia” venisse approvato in Parlamento sarebbero possibili:

Spari nei parchi e nelle aree protette, spari in città, spari a tutti gli animali selvatici a qualunque ora del giorno e della notte, e in qualsiasi periodo dell’anno.

Azioni violente e da Far West che porterebbero a una vera e propria strage contro questa tipologia di animali, con un doppio pericolo. A essere a rischio sarebbe infatti anche la pubblica sicurezza, col solo pretesto del “controllo” della fauna. È certo infatti che ogni anno, a fine stagione venatoria, si contano morti e feriti anche tra gli umani, cacciatori e non.

Per questi motivi le associazioni ambientaliste si sono unite per chiedere ai parlamentari della Commissione Bilancio della Camera di bocciare l’emendamento “caccia selvaggia”. Come si legge dal comunicato congiunto:

A chiederlo è anche la stragrande maggioranza di italiani, che è contraria all’attività venatoria e, quindi, all’uccisione di animali per divertimento, e che siamo certi non mancherà di far sentire la sua protesta contro ogni disegno di deregulation venatoria.

Il testo dell’emendamento inoltre prevede anche che le carcasse che superino le analisi igienico-sanitarie possano essere destinate al consumo alimentare.