Fondazione Garrone aderisce al Manifesto “Un’economia a misura d’uomo contro la crisi climatica” promosso da Symbola

Condividere l’impegno a rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e quindi più capaci di futuro: è questo l’obiettivo del Manifesto “Un’economia a misura d’uomo contro la crisi climatica”, lanciato da Fondazione Symbola e sottoscritto oggi anche da Fondazione Edoardo Garrone.

Promosso dal Presidente di Fondazione Symbola Ermete Realacci, dal Presidente di Coldiretti Ettore Prandini, dal Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, dall’Amministratore Delegato di Enel Francesco Starace, dal Direttore della sala stampa del Sacro Convento di Assisi Padre Enzo Fortunato, da Catia Bastioli di Novamont, il Manifesto è già stato firmato da oltre 500 esponenti del mondo economico, sociale e culturale.

L’adesione di Fondazione Edoardo Garrone avviene in piena coerenza con i progetti avviati dal 2014 e dedicati alla nascita e allo sviluppo di giovani imprese nelle aree montane e interne del Paese, con l’obiettivo di rivitalizzare territori ricchi di risorse e potenzialità grazie a nuovi modelli economici incentrati sulla sostenibilità, la partecipazione, la creazione di reti locali e l’innovazione a servizio della tradizione e della qualità.

Grazie agli incubatori ReStartApp® e ReStartAlp® sono nate più di 35 nuove imprese “under 35” sulle Alpi e in Appennino. Altre 30 imprese, nelle aree del centro Italia colpite dal sisma, hanno beneficiato di percorsi di accelerazione per salvare l’attività posizionandosi su nuovi mercati e disegnando nuovi modelli organizzativi, gestionali ed economici. In tutti i casi si tratta di imprese sostenibili per filosofia, oggetto e metodo: si pensano parte di un territorio, vogliono contribuire alla vita economica, ambientale, sociale delle loro comunità e non conoscono altro modo di lavorare se non nel pieno rispetto e nella piena valorizzazione di persone, natura e culture. Pensano che fare impresa in modo etico e responsabile partecipando alla vita del proprio territorio sia il modo più efficace per realizzare il cambiamento di cui il nostro mondo ha urgente bisogno.

«Il lavoro che facciamo e continueremo a fare nei prossimi anni a sostegno concreto dei nuovi giovani imprenditori delle aree interne è il motivo del nostro immediato riconoscerci nel Manifesto promosso da Fondazione Symbola, con cui si conferma una volta di più comunione di intenti e di vedute – ha dichiarato Alessandro Garrone, presidente di Fondazione Edoardo Garrone. – Aderire al Manifesto rappresenta per noi un’opportunità preziosa non solo per ribadire un credo, ma anche per condividere un insieme di valori e, ognuno secondo il proprio lavoro e le proprie competenze, un impegno reale di cambiamento e rinnovamento».

«La Fondazione Garrone ha fatto un lavoro prezioso di rivitalizzazione del nostro territorio con cui collaboriamo volentieri – ha commentato Ermete Realacci, presidente di Fondazione Symbola. – A gennaio il manifesto diventerà, con un’iniziativa nel Sacro Convento dei Francescani, il Manifesto di Assisi, intorno al quale si sta costruendo un’alleanza tra soggetti del mondo sociale, economico, culturale. Inedita e vasta alleanza che intorno al Manifesto si realizza e propone un’idea di Italia che valorizza le migliori energie per affrontare la crisi climatica e dare una risposta alla generazione Greta incrociando bellezza, innovazione e creatività».