fotovoltaico Calderara di Reno

Fotovoltaico: a Calderara di Reno la prima comunità con partner tecnologico Enel X

Calderara di Reno è la prima comunità energetica rinnovabile grazie al fotovoltaico. Il Comune italiano di 13.489 abitanti della città metropolitana di Bologna mette in azione un’iniziativa che prevede l’installazione di impianti fotovoltaici con partner tecnologico Enel X.

Il progetto si chiama Comune Calderara Circular Community e vedrà la creazione di 3 impianti fotovoltaici con una potenza di 75kW, oltre ad una piattaforma tecnologica per la gestione della comunità energetica (a cui si aggiunge un impianto fotovoltaico già in uso).

Lo scorso maggio è stata approvata la legge regionale sulla creazione e lo scambio di energia rinnovabile a impatto zero all’interno delle comunità locali. Ha dichiarato il sindaco Giampiero Falzone:

Riusciamo a dare forma a questo progetto cui tenevamo tanto: non solo per aiutare i cittadini davanti all’attuale emergenza energetica del caro-bollette, ma anche per l’ulteriore sviluppo green di Calderara, per il quale da sempre siamo al lavoro nell’interesse della comunità.

Un lavoro, quello dell’amministrazione, i cui sforzi sono stati riconosciuti e premiati nel 2021 quando abbiamo capeggiato la classifica nazionale del Circular City Index di Enel X: un attestato della qualità del nostro approccio all’economia circolare e sostenibile del quale andiamo fieri.

Fotovoltaico a Calderara di Reno: il progetto

Calderara di Reno è quindi ufficialmente il primo comune in assoluto dell’Emilia-Romagna ad ospitare una comunità energetica di autoconsumo collettivo. Lo scorso anno era salita sul podio come Comune più virtuoso d’Italia secondo il Circular City Index, strumento di misurazione dell’economia circolare e della sostenibilità dei Comuni creato proprio da Enel X.

Sono parte del progetto gli impianti nella sede comunale, nella Scuola dell’Infanzia di Lippo e nella Scuola Primaria Longara con una produzione di energia rinnovabile di circa 100mila kWh e una diminuzione di più di 50 tonnellate di emissioni di CO2 ogni anno. L’amministrazione avrà modo di condividere virtualmente i propri consumi di energia.

Enel X mette a disposizione la sua piattaforma digitale e le sue tecnologie innovative con lo scopo di garantire il monitoraggio in tempo reale dello stato di salute della condivisione energetica attraverso report periodici ed una applicazione dedicata. In questo modo si possono trovare eventuali soluzioni per migliorare la quantità di energia condivisa. Quale sarà il prossimo comune a partecipare a questa iniziativa?