FS Sistemi Urbani, nuova vita per sette ex scali torinesi – Eco dalle rotaie

Sette ex scali ferroviari di Torino presto cambieranno volto. Lo si deve ad un “Protocollo d’Intenti” che il Polo Urbano del Gruppo FS Italiane ha siglato col Comune di Torino, uno dei più grandi progetti di riqualificazione cittadina in Italia e in Europa, per una superficie complessiva di circa mezzo milione di metri quadrati, destinati ad uso turistico, ricettivo, commerciale, residenziale e terziario, da rigenerare con proposte condivise con la Cabina di Regia.

FS Sistemi Urbani, progetti capaci di generare interazioni

Ad ottobre, nell’evento urbanistico di Urbanpromo, si è tenuto il convegno organizzato da FS Sistemi Urbani dal titolo: “La rigenerazione delle aree ferroviarie di Torino: il futuro dell’area Lingotto”. L’obiettivo, chiarito durante i lavori, quello di riconvertire e valorizzare i propri asset e la visione di sistema che la società supporta, nel capoluogo piemontese come a Milano, che hanno comportato l’elaborazione e la promozione, in accordo con gli Enti e le Amministrazioni competenti, di progetti in grado di generare un sistema urbano complesso, capace di interazione tra rete infrastrutturale con servizi strategici.

Le aree ferroviarie coinvolte sono:

  • Lingotto “Parco della Salute, Ricerca e Innovazione” e sede Regione Piemonte;
  • Lingotto FS, Stazione Ponte;
  • Corso Brunelleschi;
  • FS San Paolo;
  • Porta Susa Spina 2 Lotto Torre;
  • Corso Principe Oddone Spina 3;
  • Stazione Rebaudengo Spina 4;

Vogliamo condividere le azioni da porre in essere per gli scenari futuri di rigenerazione e di utilizzo, anche temporaneo, delle aree ferroviarie dismesse destinate a diventare nuove polarità urbane – ha dichiarato durante il suo intervento Umberto Lebruto, Amministratore Delegato di FS Sistemi Urbani.

Con il piano industriale 2022-2031, il Gruppo FS Italiane vuole concentrarsi sulla sostenibilità nel suo insieme, ambientale, sociale ed economica. Il Gruppo si è infatti strutturato in quattro Poli – Infrastrutture, Passeggeri, Logistica e Urbano – in modo da creare un sistema sempre più integrato e sostenibile.

Quali sono i sette ex scali torinesi

Aree Torino

In questa riorganizzazione, il Polo Urbano si pone l’obiettivo di migliorare lo spazio cittadino, fornendo nuove opportunità e soluzioni di mobilità condivisa (il cosiddetto shift modale), dove le stazioni ferroviarie possano rivestire un ruolo rilevante che non sia più solo un punto di arrivo o di partenza, ma si integri un più ampio progetto di mobilità.

Lingotto – Parco della Salute

Superficie territoriale: 42.210 mq

L’area si trova nella zona sud, tra via Nizza (fermata Metro), via Passo Buole, la linea ferroviaria della Stazione Lingotto, e il complesso fieristico Lingotto.
Nel Parco della Salute, della Ricerca e dell’Innovazione (PSRI) è contemplata l’integrazione delle funzioni medico-scientifiche-ospedaliere con la nuova sede della Regione Piemonte, l’area di proprietà di FSSU di 42.210 m2 di superficie territoriale con la nuova stazione-ponte del Lingotto e l’impianto sportivo dell’OVAL. All’interno dell’area FSSU è possibile costruire 62.139 m2 di diritti edificatori suddivisi tra residenziale (15% alloggi sociali e 15% alloggi universitari), Eurotorino/ASPI e attrezzature di interesse generale.

Lingotto FS – Stazione Ponte

Superficie territoriale: 19.481 mq

L’area interessata dalla valorizzazione si trova ad ovest del Parco della Salute oltre la linea ferroviaria. Al fine di garantire la migliore connessione con la rete del trasporto pubblico metropolitano e con la linea ferroviaria, è prevista la realizzazione di una Nuova Stazione Ponte di 9.000 m2 di diritti edificatori che dovrà consentire la ricucitura del tessuto urbano del quartiere Lingotto con via Nizza e la trasformazione verde dell’attuale piazzale di stazione con una struttura interrata per ospitare parcheggi.

Corso Brunelleschi

Superficie territoriale: 43.000 mq

L’area si trova ad ovest, tra via Santa Maria Mazzarello, via Monginevro e corso Brunelleschi, vicino al Parco Ruffini. E’ molto ben collegata al centro città e ai quartieri limitrofi da più linee di trasporto urbano. Originariamente l’area era occupata dal Poligono di tiro dei ferrovieri del Ministero della Difesa che oggi torna utilizzabile per una nuova integrazione funzionale con il tessuto urbano circostante.
Il Ministero della Difesa ha dichiarato di non avere più interesse per l’area e sta ultimando le operazioni di bonifica ambientale per restituirla. FSSU ha già presentato un’ipotesi di rigenerazione urbana alla Cabina di Regia che prevede la possibilità di creare una viabilità di attraversamento per ricucire il tessuto urbano, una valorizzazione di 29.000 m2 di diritti edificatori e un mix funzionale di residenziale, commerciale e servizi.

San Paolo

Superficie territoriale: 106.600 mq

Nella zona sud-ovest, tra i quartieri Santa Rita e San Paolo, vicino al Parco Ruffini, tra la linea ferroviaria, via San Paolo, corso Rosselli e via Tolmino. Nel 2025 sarà costruita la fermata ferroviaria. Il progetto di trasformazione divide l’area in due lotti: il primo mantiene l’attuale edificio (17.500 m2 di costruito) con un’area di esposizione esterna di 24.000 m2, l’altro è un’area di sviluppo di 82.600 m2 con un mix di attività commerciali e di servizi per persone e aziende, per 32.500 m2 di diritti edificatori.

Porta Susa – Spina 2 – Lotto Torre

Superficie territoriale: 7.400 mq

Tra la Nuova Stazione AV di Porta Susa (fermata Metro) e il nuovo centro museale delle ex Officine Grandi Riparazioni, all’incrocio tra corso Bolzano e corso Vittorio Emanuele, in una zona che ospita il nuovo Palazzo di Giustizia, la Biblioteca-mediatica centrale, il Politecnico. È possibile realizzare un edificio di altezza massima 150m + 15% di pavimenti tecnici e 38 piani. È previsto il trasferimento al Comune di 7.000 m2 per il parcheggio e 4.770 m2 per i servizi pubblici.

Corso Principe Oddone Spina 3

Superficie territoriale: 114.600 mq

L’area è localizzata nella zona nord, sopra Porta Susa Spina 2, tra corso Principe Oddone, piazza Baldissera, corso Vigevano, corso Umbria. La trasformazione dell’area dovrà tenere conto anche dell’edificio vincolato dal Ministero per i Beni Culturali. Sono previsti + 3.388 m2 di diritti edificatori da Scalo Vallino. Si sta completando la progettazione della stazione ferroviaria Dora.
Al momento è stata attivata una locazione temporanea ad uso deposito auto.

Rebaudengo – Spina 4

Superficie territoriale: 92.500 mq

L’area è localizzata nella zona nord-est, sopra Spina 3 oltre piazza Baldissera, all’altezza della Stazione Rebaudengo del Servizio Ferroviario Metropolitano (SFM), tra corso Venezia, corso Grosseto, via Sempione. È prevista la realizzazione in sottosuolo della Linea 2 della Metropolitana di Torino.