Al G20 di Napoli segnali positivi su ambiente e biodiversità: il commento di WWF

Al G20 di Napoli segnali positivi su ambiente e biodiversità: il commento di WWF

Riscontri positivi su ambiente e biodiversità, qualche miglioramento sul clima che può aiutare possibili progressi nel Summit dei Leader del prossimo ottobre e, soprattutto, nella COP 26 di Glasgow: questo il commento del WWF Italia sulla Ministeriale Ambiente, Clima e Transizione Energetica del G20, che è terminato sabato 24 luglio a Napoli.

Il WWF Italia parla del fatto che già molte persone stanno male per gli effetti distruttivi della crisi climatica in tutto il mondo, ma questo fattore non cambia le scelte economiche e quelle in politica. “Per esempio, avremmo voluto vedere molto più coraggio sulle scelte verso le tecnologie pulite e rinnovabili e sull’abbandono dei fossili, oltre che più concretezza sull’efficienza energetica”, si legge nella nota ufficiale diffusa a mezzo stampa.

Il WWF spera che il Summit dei leader G20 in scena a fine ottobre possa cambiare le cose, come trovare una data per eliminare il carbone, bloccare il finanziamento pubblico internazionale della produzione di energia a carbone e cancellare man mano i sussidi inefficienti ai combustibili fossili.

I riscontri positivi

La ministeriale G20 nella città partenopea era iniziata con qualche segnale positivo nel comunicato ambiente, anche se senza una visione precisa comune: da segnalare Nature Based Solutions, ovvero il ripristino e restauro degli ambienti naturali per aiutare il clima e non solo; e ancora lo scopo di tutelare il 30% di aree marine e terrestri, inoltre la voglia di instaurare un dialogo permanente del G20 sull’Acqua.

Last but non least, in vista delle prossime tappe del track Finanza sempre del G20, il riconoscimento dell’importanza del lavoro sulla divulgazione finanziaria legata alla natura e l’interesse all’istituzione della Taskforce sulla divulgazione finanziaria legata alla natura. Staremo a vedere cosa succederà alla COP26 di Glasgow, in programma dall’1 al 12 novembre 2021 nella città scozzese. Per la prima volta il Regno Unito ospiterà la 26a Conferenza delle Parti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite.