Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore: le vendite aumentate del 26%

Oggi si celebra la Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore, istituita dall’UNESCO nel 1995 per commemorare Miguel de Cervantes e William Shakespeare scomparsi il 23 aprile del 1616. Maestri della letteratura. E’ stato Dante ad insegnarci a rispettare i grandi padri della cultura così come lui ammirava Virgilio e questa sua stima ha pervaso tutta la Divina Commedia che ancora ci emoziona, che ancora citiamo, che ancora, quando la sfogliamo, ci riempie il cuore perchè questa è la funzione dei libri, portarci in un mondo nuovo, meraviglioso, pauroso, spigoloso, incantato a seconda del genere scelto. E’ una magia ripetibile all’infinito che mai delude.

In Catalogna nel giorno di Sant Jordi secondo tradizione gli uomini regalano una rosa alla propria amata e le donne donano un libro ai propri innamorati. Amore e cultura insieme. Dovremmo prendere in prestito anche noi questa festa. Fortunatamente pare che, in Italia, secondo l’Associazione Italiana Editori, le vendite dei libri siano aumentate del 26% nei primi tre mesi del 2021 (gli acquisti sono perlopiù online), certamente a causa sia dell’impossibilità di frequentare cinema, musei e teatri sia della frequenza con cui dobbiamo restare a casa ma bisogna essere ottimisti, i dati fanno ben sperare, una ripresa dell’editoria è più che auspicabile. La letteratura ci sorride.

di Marzia Fiordaliso