Giornata Mondiale dell’Alimentazione, Fondazione Barilla: nel 2017 persi 4011 anni di vita

Nel 2017 gli italiani hanno perso complessivamente, come popolazione, ben 4.011 anni di vita, per colpa di disabilità riconducibili a carenze nutrizionali, diabete e malattie cardiovascolari (nel 2016 erano 3.941 anni) . Come è stato possibile nel Paese della Dieta Mediterranea? Colpa delle mutate abitudini alimentari che, soprattutto tra i giovani, hanno portato al distacco da questo modello alimentare. I dati fotografano le conseguenze del fenomeno: in Italia il 36,8% di bambini e adolescenti tra 5 e 19 anni è sovrappeso, dato che tra gli adulti sale a oltre il 58% del totale . Sovrappeso e obesità, così come scelte alimentari sbagliate, contribuiscono al proliferare di alcune malattie (su tutte diabete, alcune forme di tumore, problematiche cardiovascolari) che mettono a rischio la qualità della nostra vita fino a portare a mortalità precoce.

Eppure, secondo le anticipazioni della terza edizione del Food Sustainability Index (che verrà presentato il 27 e 28 novembre al Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione di BCFN a Milano), l’Italia sta provando ad arginare questa “transizione nutrizionale” attraverso soluzioni concrete a partire dalle mense scolastiche. E a quei giornalisti che sapranno far luce su questa drammatica situazione (e in generale sull’impatto che le nostre scelte alimentari hanno sulla nostra salute e sul Pianeta), Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition insieme a Thomson Reuters Foundation dedicano il Food Sustainability Media Award. Proprio oggi, in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione, vengono annunciati i 12 finalisti della seconda edizione del FSMA.

Il premio giornalistico, quest’anno ha visto proprio i temi della salute e della nutrizione tra quelli maggiormente raccontati dagli oltre 430 candidati provenienti da 80 Paesi del mondo che hanno proposto articoli (oltre 325), foto e video (106). I 12 finalisti sono tutti candidati alla categoria Best of the Web, il cui vincitore sarà scelto direttamente dal pubblico che potrà votare entro il 23 novembre attraverso la piattaforma dedicata. “Abbiamo tutti un ruolo da svolgere per aggiustare il nostro attuale sistema alimentare che comincia a disgregarsi”, ha dichiarato Guido Barilla, presidente della Fondazione BCFN. “Con questo premio, miriamo a promuovere un giornalismo di qualità per incoraggiare l’azione e trovare soluzioni concrete per un sistema alimentare globale più sostenibile”.
A concorrere per la categoria “Multimedia edito” c’è l’italiano Luca Locatelli che ha proposto un articolo pubblicato sul National Geographic. A disputarsi il primo posto nella stessa categoria anche Gregg Segal del Time Magazine e Kim Harrisberg di Cutting Edge South African Broadcast Corporation.
Per la categoria “Multimedia inedito” i finalisti sono: Rosemary Ostfeld (con Eat Like the World Depends on It), Karen Buchsbaum e Koorosh Farchadi (con Harvests of Hope California) e Maggie Andresen (con Journey to Better Health: Childhood Malnutrition in Rwanda).
A concorrere per la categoria “Giornalismo edito” saranno Anna Wolfe della testata The Clarion Ledger, Emma Bryce, di Wired UK ed Helena Bottemiller Evich di Politico.
Infine per la categoria “Giornalismo inedito” i giornalisti in finale sono: Pauliina Siniauer con l’articolo “A trashcan lady is now feeding the neighborhood”, Robyn Bowden con “Overworked, overweight and undernourished: the burden of South African women” e Nastasha Alli con il testo “Why The Philippines May Run Out Of Fish By 2048”
I vincitori saranno annunciati nel corso del 9° Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione che si terrà a Milano Il 27 e il 28 novembre presso il Pirelli HangarBicocca.

Altre news dai Punti Sostenibili (Archivio)

ISS: a Roma la prima Carta Internazionale su clima e salute

Una Carta Internazionale firmata dai più importanti esperti su salute e clima è  stato l’obiettivo

Redazione 13-12-2018

Sei nuovi cuccioli di lupo nell’oasi di Castel di Guido a Roma

Sei nuovi cuccioli di lupo sono nati nell’oasi di Castel di Guido a Roma, nella

Redazione 13-12-2018

L’Italia cambia volto: più alberi e foreste, si riducono aree agricole, prati e pascoli

Aumenta il verde in Italia, in particolare per quanto riguarda gli alberi che in soli

Redazione 12-12-2018

Greenpeace: i cambiamenti climatici al Museo di Roma in Trastevere

I cambiamenti climatici sono ormai una devastante realtà con la quale dobbiamo fare i conti.

Redazione 12-12-2018

FESTAM – FESTIVAL DELL’AMBIENTE E DELLA CULTURA. Dal 14 nel V Municipio

Dal 14 al 23 Dicembre si terrà in vari luoghi del Municipio Roma V, la

Redazione 12-12-2018

Un milione di euro per salvare i boschi del Mediterraneo. Evento giovedì 20

Biodiversità, cambiamenti climatici, deperimento forestale… sono le parole chiave più che mai attuali di un

Redazione 11-12-2018

Rapporto Eco Media 2018: i risultati il 19 dicembre a Roma

L’ambiente e la sostenibilità fanno notizia? L’appuntamento è per il 19 dicembre, a Roma, presso

Redazione 10-12-2018