GLI OLI ESAUSTI SMALTITI ILLEGALMENTE PROVOCANO GRAVI DANNI AMBIENTALI

“Condanniamo con forza quanto accaduto pochi giorni fa, quando alcuni commercianti insieme a quattro dipendenti dell’Ama hanno illegalmente sversato in un tombino un grande quantitativo di olio esausto” – dichiara Tommaso Campanile, presidente del CONOE, Consorzio Nazionale di Raccolta e Trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti.
“Siamo accanto alle forze dell’ordine, alle istituzioni cittadine e nazionali e all’azienda municipalizzata, per collaborare affinché episodi come questo non si ripetano”, continua
Campanile.
Proprio il Conoe, istituito per legge per garantire il corretto smaltimento di questo rifiuto così pericoloso per l’ambiente, oggi opera su tutto il territorio nazionale con una rete di aziende di raccolta e rigenerazione togliendo dall’ambiente oltre 75mila tonnellate di rifiuto l’anno. Bisogna considerare, infatti, che bastano 5 litri di olio vegetale esausto, versato nelle condutture fognarie, ad inquinare una superficie pari a un campo di calcio.
Inoltre lo scorretto smaltimento degli oli vegetali comporta ingenti costi per la collettività. Infatti, oltre ad inquinare le falde acquifere, gli oli e i grassi intasano le tubature fino ad arrivare ai depuratori, creando enormi accumuli di grasso che solidificandosi compromettono il corretto funzionamento degli impianti. Un conto salato soprattutto per i cittadini, che il Conoe stima in oltre 600.000 euro/anno per il ripristino degli impianti in una città delle dimensioni di Roma.
“Siamo impegnati in un ambizioso progetto per la città di Roma insieme con AMA, con cui stiamo da tempo dialogando, per attuare un programma di sensibilizzazione capillare presso tutti i cittadini affinché la prassi per una corretta raccolta degli oli vegetali usati entri a far parte delle pratiche consuete di gestione dei rifiuti delle famiglie” – prosegue Campanile.
Un piano davvero imponente se esportato in ambito nazionale, ma evidentemente necessario, per cui il Consorzio ha richiesto l’intervento del Ministero dell’Ambiente e che può tradursi in realtà
quando, verrà sottoscritto un accordo con l’ANCI, l’Associazione dei Comuni Italiani.

IL CONOE
Il Consorzio Nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali, esausti” (di seguito, CONOE) fu istituito con l’art. 47 D.lgs. 22/97 ed attualmente è disciplinato dall’art. 233 D.lgs. 152/06 e retto dallo statuto determinato con DM 5 aprile 2004 e DM 22 giugno 2016.
Partecipano a CONOE 18 Confederazioni, Associazioni Nazionali di Settore, Organizzazioni di Utility’s, che rappresentano oltre 300.000 produttori di oli e grassi esausti del Settore Industriale – Artigianale e Commerciale; 450 Aziende di Raccolta; 60 Aziende di Recupero e Riciclo. Nel 2018 il CONOE ha raccolto 75 mila tonnellate di oli vegetali esausti, principalmente derivanti da attività professionali. Il 90% degli oli raccolti nel 2018 è stato avviato al recupero nella filiera della produzione di biodiesel. La produzione di oli vegetali esausti nei settori professionali (industria, ristorazione e artigianato) è di 94 mila tonnellate, il 36% del totale, mentre la parte rimanente, 64% del totale pari a 166 mila tonnellate, deriva da attività domestiche. Il CONOE, al pari di altri consorzi nazionali di gestione di rifiuti, si caratterizza per non aver scopo di lucro e per non svolgere attività commerciali; inoltre l’importante presenza di stakeholder del mondo imprenditoriale consente la massima compensazione dei conflitti di interesse.

Altre news dai Punti Sostenibili (Archivio)

COMMUNITY E NATIVA SIGLANO UN “MEMORANDUM OF INTERDEPENDENCE”

Community Group, il gruppo fondato da Auro Palomba leader italiano nella consulenza strategica nella reputazione

Redazione 15-07-2019

Coldiretti sugli ultimi dati Istat: vacanze +35% agriturismi in Lombardia

Sono 1.688 gli agriturismi in Lombardia con un aumento del 35% rispetto al 2009. E’

Redazione 15-07-2019

Un grande successo per le Case dell’acqua di ACEA: bevi e ricarichi

Roma ha tante peculiarità e una su tutte è certamente la presenza delle fontanelle sparse

Redazione 15-07-2019

Radio Rock per i suoi 35 anni si regala la sostenibilità ambientale

Ha montato, presso la propria sede, un impianto di moduli fotovoltaici che consente alla storica

Redazione 12-07-2019

2° Conferenza nazionale delle Green City a Milano il 16 luglio

La 2^ Conferenza Nazionale delle Green City sarà dedicata al tema “Green city, adattamento climatico

Redazione 12-07-2019

#Usaegettanograzie: Legambiente contro l’inquinamento da plastica monouso

Sulle spiagge italiane incrociamo ben 10 rifiuti ogni passo secondo l’ultima indagineBeach litter 2019di Legambiente

Redazione 11-07-2019

FederBio rafforza la storica partnership con SANA

Quattro giornate all’insegna del biologico. FederBio consolida la tradizionale presenza a SANA con uno spazio

Redazione 11-07-2019

Lazio 5° Regione per illegalità ambientali, nel 2018 2.062 ecoreati, 5,6 ogni giorno

Roma – Alla presentazione del Rapporto Ecomafia 2019 di Legambiente si sono affrontati i caldi

Redazione 11-07-2019