Greenpeace: volontari puliscono la Marina Grande di Bacoli

Greenpeace: volontari puliscono la Marina Grande di Bacoli

I volontari di Greenpeace Napoli, in collaborazione con Legambiente Campi Flegrei, Let’s Do It Italy e WWF Napoli, hanno svolto nella giornata di sabato 3 luglio la pulizia della scogliera e della spiaggia Marina Grande di Bacoli. I presenti hanno anche catalogato il materiale raccolto, tra cui ovviamente tante bottiglie di plastica.

Secondo un rapporto recente dell’associazione ogni anno sul mercato italiano finiscono più di 11 miliardi di bottiglie di plastica, di cui il 60% non viene riciclato, dando vita così a più di 850mila tonnellate di CO2 equivalenti. Non a caso qualche settimana fa Greenpeace ha lanciato una petizione per chiedere di ridurre l’uso di bottiglie di plastica monouso.

“L’Italia è uno dei maggiori consumatori globali di bottiglie di plastica per le acque minerali e le bevande, e ogni anno fino a 7 miliardi di queste bottiglie rischiano di finire disperse nell’ambiente – ha detto Giuseppe Ungherese, responsabile campagna Inquinamento di Greenpeace Italia, come riporta Anteprima24 – Nonostante questi numeri impietosi, le grandi aziende continuano a immettere sul mercato enormi quantitativi di bottiglie di plastica, non assumendosi alcuna responsabilità riguardo il corretto riciclo e il recupero. Se vogliamo ridurre l’inquinamento da plastica nei nostri mari e mettere da parte la dipendenza da petrolio e gas fossile, é necessario che le grandi aziende promuovano subito l’impiego di contenitori riutilizzabili e prendano le distanze dallo sfruttamento dei combustibili fossili”.

In queste settimane inoltre Greenpeace in collaborazione con la Fondazione Exodus e i ricercatori e le ricercatrici dell’Università Politecnica delle Marche e del CNR-IAS di Genova, si sta occupando della spedizione di ricerca “Difendiamo il Mare”. Lo scopo è quello di misurare l’impatto della contaminazione da plastica e microplastica e dei cambiamenti climatici in Adriatico, due fenomeni uniti dall’origine dello sfruttamento dei combustibili fossili.