Hanami: la fioritura dei ciliegi a Roma

È iniziato tutto in Giappone nel 700 d.C. e da allora la passione per l’Hanami (letteralmente significa “ammirare i fiori”) non è venuta meno, tanto che il servizio meteo giapponese informa meticolosamente la popolazione su quando è prevista la massima fioritura e da quel momento iniziano i ferventi preparativi per festeggiare questo spettacolo naturale. I fiori tradizionali dell’Hanami sono quelli di ciliegio (sakura in giapponese), un fiore che sboccia in modo molto appariscente ma dalla vita breve e per questo è diventato il simbolo della caducità, della bellezza e della vita.

Questo spiega l’importanza assunta dall’Hanami come espressione dell’antica attitudine giapponese a godere e accettare la provvisorietà dell’esistenza in quanto tale, la sensibilità ad abbracciare, nella struggente bellezza dell’hic et nunc, la malinconia della fine.

Fiori di ciliegio

L’Hanami a Roma il 9 e 10 aprile

Quest’anno il picco della fioritura in Giappone è stato alla fine di marzo, ma chi non ha potuto raggiungere il Paese del Sol Levante ha una ghiotta possibilità di godere dello spettacolo dell’Hanami restando a Roma.

Sabato 9 e domenica 10 aprile 2022 a partire dalle ore 9 presso l’Orto Botanico di Roma, avrà luogo “Hanami all’Orto Botanico”, in occasione della fioritura dei ciliegi del giardino giapponese. L’iniziativa, presentata dal Museo Orto Botanico della Sapienza e dall’Istituto giapponese di cultura in Roma, vuole celebrare l’idea della natura, che permea la cultura giapponese e ne definisce in maniera profonda l’estetica.

L’appuntamento all’Orto Botanico prevede numerose iniziative, come le visite guidate al giardino giapponese, gli incontri dedicati allo stile compositivo del giardino giapponese, la tradizionale cerimonia del tè a cura del Centro Urasenke e l’esposizione dal titolo “HANAMI – Immaginazione sostenibile. Scultura tra Natura e Artificio”, organizzata dalla cattedra di Scultura di Belle Arti di Roma e dai suoi studenti, curata da Alessandra Porfidia.

Ma la visita consentirà anche di prendere parte all’interessante mostra “Bonsai, Suiseki e Kusamono”, che viene presentata, all’interno della Serra Espositiva, in occasione del Congresso Nazionale Nippon Bonsai Sakka Kyookai Europe e che prevede anche un breve ciclo di conferenze aperte a tutti.

In programma anche una piccola mostra dal titolo “Hanakago e ikebana: accogliere la bellezza”, curata dagli insegnanti dell’Ohara ALU Study Group/Studio Arti Floreali, sotto la guida della SubGrandmaster Silvana Mattei, dove protagonisti delle composizioni saranno gli Hanakago (cesti di bambù intrecciato utilizzati in Ikebana), le piante e i fiori simboli di questa stagione nella cultura giapponese. Per i più piccoli si aggiungono i laboratori di origami curati dal Centro diffusione origami.

L’altro luogo dove vedere i sakura è il Laghetto dell’EUR dove tra un pic nic e l’altro si potranno vedere passeggiare donne giapponesi in abiti tradizionali.

di Elena Sofia Midena