Terni, podisti di montagna in pericolo per la battuta di caccia, interviene la Provincia

Risolto dalla polizia provinciale il problema sorto ad Attigliano sabato scorso dove la ‘Ecotrail, le vie di San Francesco’ stava rischiando di incrociarsi con una battuta di caccia al cinghiale. L’intervento degli agenti è stato sollecitato da altre autorità. Il presidente a Palazzo Bazzani, Giampiero Lattanzi, ne approfitta per sottolineare: «La Provincia è ancora un punto di riferimento per i cittadini e nulla o poco è cambiato nel loro orientamento anche in materia di caccia, tutela dell’ambiente, vigilanza costruzioni e tanti altri settori come strade e scuole; materie che qualcuno ha pensato di togliere a questi enti insieme alle risorse per esercitare le funzioni rimaste».

Polizia provinciale «Prefettura, questura e forestale – spiega nello specifico il comandante della polizia provinciale Mario Borghi – hanno richiesto il nostro intervento per dirimere la questione. Noi, grazie alla conoscenza delle persone e del territorio ci siamo messi a disposizione e anche se non più competenti abbiamo portato a termine il lavoro». «Solo in pochi oggi – riprende il presidente Lattanzi – nonostante l’esito referendario, vogliono continuare nell’ottusa convinzione di non utilizzare il patrimonio strutturale e professionale delle Province, salvo poi doverci ricorrere in casi estremi così, come le vicende di Attigliano di sabato scorso dimostrano, le nuove organizzazioni che dovrebbero sopperire alla provincia appaiono impossibilitate. Chi di dovere, a vari livelli istituzionali – conclude – prenda atto del fallimento di un’idea concepita male e realizzata peggio ed abbia il coraggio di tornare indietro».

Terni, podisti di montagna in pericolo: c’è battuta di caccia, interviene la Provincia