Il 31 a Milano mobilitazione in bici: in sella per dimostrare che il popolo a due ruote è pronto

Il 31 di maggio, domenica prossima, il Giro d’Italia avrebbe dovuto arrivare a Milano ma il suo rinvio per ragioni di emergenza sanitaria lascerà le strade di Milano orfane della festa del ciclismo che questa kermesse ha sempre rappresentato.

Il vuoto lasciato dall’appuntamento del grande ciclismo offre l’opportunità per celebrare chi la bici la usa nella sua quotidianità, per andare al lavoro o per portare i bambini a scuola, per fare consegne a pagamento o per portare un mazzo di fiori all’amato/a. Tutti insieme, possiamo riempire quel vuoto e fare una grande festa urbana della bici di tutti i giorni, per quei cittadini di ogni sesso, età, nazionalità ed estrazione sociale che con il loro comportamento esemplare rendono più vivibile Milano. L’emergenza sta promuovendo un rinnovato interesse all’idea di una città a misura di bici, ed è per questo che l’Amministrazione deve impegnarsi a ridisegnare la mobilità della nostra città secondo queste indicazioni:

– 150 km di nuove ciclabili pop up (con almeno 10 radiali e 2 circolari su scala metropolitana)

– Area C come zona 20 con precedenza a pedoni e biciclette

– campagna di comunicazione volta al cambio di abitudini di mobilità da parte della cittadinanza

– creazione di una Consulta della mobilità ciclistica e attiva.

Con questi presupposti, il 31 di maggio invitiamo alla mobilitazione tutti i cittadini di Milano: in sella per dimostrare che se la città delle bici è ancora da fare, il popolo delle bici è già pronto a supportare un piano di azioni dell’amministrazione comunale nel segno della mobilità e di stili di vita sostenibili.

“Ditelo con una rosa”

A tutti coloro che vorranno prendere parte alla mobilitazione chiediamo di inforcare la bicicletta e fare un qualsiasi percorso, sia esso di 100 metri intorno a casa vostra o di qualche chilometro su una ciclabile o in strada. Con un’unica indicazione: munitevi di una rosa in modo da rendere visibile il vostro appoggio all’iniziativa. Il rosa è – senza dubbio – il simbolo del ciclismo all’italiana; la rosa “rosa” simbolo di amicizia. Il fiore può essere vero, disegnato sulla maglietta, costruito con un origami e appuntato come una coccarda. L’importante è indossare una rosa.

https://www.facebook.com/events/266976331020021/

Alle 17.30 in Piazza Duomo avrà luogo un flash mob per mandare un messaggio all’amministrazione di Milano. Per venire incontro alle norme dettate dall’ultimo DPCM del 16.5.2020 in materia di manifestazioni, la partecipazione al flash mob sarà possibile solo previa iscrizione a questo link: https://forms.gle/MTrEVbs9UisNz1rr6

Associazioni e enti che hanno aderito o sostengono la mobilitazione:

Milano cambia giro nasce da un’idea dell’Associazione Cure, promossa da Associazione Tumb Tumb (Super il Festival delle Periferie), FIAB Milano Ciclobby, Legambici APS con l’adesione di Bikeitalia, Legambiente Lombardia Onlus, Circolo Reteambiente, Associazione Giacimenti Urbani, AssoBici, Milano Bike Coalition Asd, Genitori Anti Smog, Cittadini per l’aria Onlus, MiRaggio Officina delle Biciclette di Casa Jannacci, La Cordata s.c.s., Casa per la Pace, Shareradio, Associazione Cascina Martesana, Associazione Terzo Paesaggio, e le altre che si stanno aggiungendo in queste ore e per tutta la settimana.