brunch tavola apparecchiata

Il brunch, un pasto rilassante e conviviale perfetto per i giorni di festa

Il brunch è un pasto che combina la colazione con il pranzo, tipicamente consumato tra le 12 e le 15 e caratterizzato da un perfetto connubio tra dolce e salato. Si tratta solitamente di un’occasione informale e rilassata, e molte persone lo gustano con amici e familiari la domenica o nei giorni di riposo. Può essere servito seduti oppure a buffet ma è sempre caratterizzato da un mise en place colorata, originale magari con l’uso di piatti e bicchieri di differente fattura e colore, con un’ispirazione vagamenti hippy, ancora meglio se si può stare in terrazzo o in giardino. Sarà una bella sorpresa per gli ospiti l’uso di vecchie tovaglie di famiglia o di tovagliette americane second hand o in materiale a basso impatto come la carta, il bambù, il legno di ulivo.

La tavola più sostenibile per il brunch, termine che fonde le parole breakfast e lunch, vedrà la presenza di bevande tipiche della prima colazione possibilmente biologiche o equo e solidali come , caffè americano, orzo, latte a base di soia o avena o riso, spremute di arance e pompelmo servite in brocche trasparenti, estratti di frutta e verdura senza pesticidi e succhi, yogurt e cereali, nel piatto pancake con marmellata o cioccolata e una manciata di mirtilli o lamponi, croissant, muffin, cheesecake, torte leggere, uova strapazzate, affettati meglio se vegani, formaggi (da provare quelli a base di anacardi e mandorle) pane di segale o integrale, pain au chocolat o alle olive, hummus di ceci o di fagioli, cous cous e quinoa ma può essere aggiunto un tocco di italianità con delle pizzette o una focaccia oppure preparando una pasta fredda o una torta di verdure.

Come organizzare il brunch perfetto

Brunch piatto e spremuta

Le origini del brunch sono difficili da rintracciare ma si ritiene che sia nato nel XIX secolo nel Regno Unito. In origine era un pasto consumato principalmente dalla classe aristocratica dopo la messa domenicale o le battute di caccia. Nell’accezione moderna il brunch, seppur di derivazione anglosassone, affonda le sue radici nella cultura di massa americana degli anni 30 del secolo passato.

Il brunch è, oggi, un pasto molto versatile che con una buona pianificazione e senza trascorrere tante ore in cucina riesce a rallegrare la giornata della propria famiglia o degli amici e caratterizzare il nostro lifestyle eco. Può essere composto da una varietà di piatti dolci e salati, di solito sono presenti:

  • omelette;
  • pancakes;
  • waffles;
  • french toast;
  • uova alla Benedict;
  • crêpes;
  • bruschette;
  • avocado toast;
  • pancetta e wurstel;
  • uova strapazzate;
  • verdure varie anche in quiche;
  • insalate variegate;
  • macedonia.

Il brunch è un’ottima occasione per rilassarsi e trascorrere del tempo con le persone care, consumando un pasto che può essere personalizzato in base ai propri gusti, preferenze e stagioni con un’ampia scelta di piatti per soddisfare tutti gli appetiti anche quelli dei bambini.

Le ricette per i piatti del brunch

Per preparare le omelette sbattere le uova con poco latte, sale e pepe e cuocerle in una padella antiaderente con burro o olio. Aggiungere i propri ingredienti preferiti come formaggio, verdure o salumi.

Per i pancakes mescolare la farina, lo zucchero, il latte, le uova e il lievito ma si possono fare anche in versione veg con una tazza di farina tipo 2, una tazza di bevanda vegetale, un pizzico di lievito o di bicarbonato e uno di zucchero di canna integrale o un cucchiaio di miele. Cuocere i pancakes in una padella antiaderente con spennellata di olio. Servirli con i propri topping preferiti, come sciroppo d’acero, frutta fresca o marmellata.

E i tipici waffles sono facili da fare a casa? Assolutamente si. Bisogna mescolare la farina, lo zucchero, il latte, le uova, il lievito e il bicarbonato (o in versione veg con le proposte della rete). Cuocere i waffles in una macchina apposita e servirli con sciroppo d’acero, frutta fresca o panna montata.

Una novità per noi italiani potrebbe essere il french toast che prevede l’immersione delle fette di pane in un mix di uova sbattute, latte e zucchero di canna preferibilmente mascobado. Cuocere le fette di pane in una padella antiaderente con burro o olio.

Le uova alla Benedict non sono altro che le le uova in camicia di solito poggiate su fette di pane tostate mentre per gli avocado toast bisogna spalmare l’avocado maturo sulle fette di pane tostato e condirlo con sale, pepe e altri ingredienti a piacere.

Dove fare la spesa per il brunch casalingo

Per un brunch naturale e sostenibile la spesa si fa preferibilmente nei negozi specializzati in prodotti biologici o sfusi, nelle botteghe equo e solidali, nei mercati a zero impatto e in quelli della Coldiretti. Qualche suggerimento per fare la spesa a Roma e Milano.

Negozi bio a Roma

Da Crepuscolo degli Dei si trovano prodotti biologici confezionati e freschi a km zero. Pane fresco ogni giorno biologico a lievitazione naturale. Oltre a tutti i prodotti ortofrutticoli classici (fagiolini, taccole, fragole, piselli, fave) a seconda della stagione si possono comprare la pastinaca che torna dopo una lunga assenza tra gli scaffali, l’aglione della Val di Chiana, l’ortica con cui preparare riso e frittata, con proprietà diuretiche e antinfiammatorie, utile per il trattamento di reumatismi, artriti, dolori muscolari e articolari.

Il Granaio e le Spezie è uno spazio luminoso e chic poco distante da Lo Zio D’America a Talenti dove trovare tutto ciò che serve per un’alimentazione sanabiologica, a filiera corta, km zero ed equo e solidale. Oltre alla gentilezza della proprietaria trovate cibo sfuso (pasta, riso, farine, semi, legumi, frutta secca) che potrete acquistare anche portando i vostri contenitori in vetro da casa e una proposta che va dai prodotti per la colazione agli infusi, dallo scatolame ai cereali, dai condimenti agli snack. Settimanalmente arriva il fresco: frutta, verdura, pane, latticini e formaggi di Casale Nibbi, uova e maionese preparata dall’azienda Galline Felici.

Negozi bio a Milano

Semprebio è un minimarket di prodotti biologici dove oltre a fare la spesa si può pranzare scegliendo tra piatti freschi e leggeri in un ambiente luminoso e tranquillo (fra le tante proposte cous cous, insalate di cereali, torte rustiche, verdure, veghamburger, focacce, pizza, crostate da scegliere nel bancone a vetri). Nasce nel 1990 diventando un punto di riferimento per chi vive in zona Buenos Aires, nel 2013 amplia i propri locali per offrire un più ampio ventaglio di proposte.

Bottega ZeroPerCento vende prodotti biologici, etici e alcuni sfusi e permette a persone con disabilità di ricollocarsi nel mondo del lavoro, in particolare accoglie i ragazzi più fragili che non riescono a trovare un’occupazione pur avendo completato le scuole superiori. Aiuta anche nella spesa le famiglie in difficoltà. Cosa trovare: frutta bio, frutta secca, tè e caffè, bevande, vino, biscotti, cioccolato, snack dolci e salati, latticini, composte e confetture, muesli e granola, miele, condimenti, prodotti per vegani, per la colazione, per la pulizia e monouso, dolci natalizi e pasquali.