Il manifesto “Green will save the world” lanciato da Assoimpredia e Elca

Per salvare il mondo ci vuole più verde. Lo sottoscrivono, in un ideale manifesto “Green will save the world” lanciato oggi a Milano, i rappresentanti italiani di Assoimpredia (Associazione nazionale impresa di difesa e tutela ambientale) e i delegati da tutta Europa di Elca (European Landscape Contractors Association), ovvero professionisti, architetti paesaggisti, designer, manager di aziende verdi e imprenditori che chiedono alle istituzioni, ma anche ai cittadini, di cambiare profondamente comportamenti e direttive, ripensando alle città, alle periferie e più in generale a tutto il paesaggio che ha fatto dell’Italia il Belpaese ma che sempre più spesso non viene rispettato ed anzi viene devastato perfino da chi dovrebbe tutelarlo. Senza i dovuti controlli e con scelte sbagliate, come quelle riguardanti le gare d’appalto che guardano solo al ribasso economico piuttosto che alla qualità progettuale, diventa sempre più difficile parlare di riqualificazione urbana ed extraurbana.
Serve consapevolezza, ha ribadito Emmanuel Mony, presidente internazionale di Elca, “una consapevolezza che manca perfino dinnanzi a catastrofi che sono causate dall’uomo e ad azioni, come il surriscaldamento globale, che hanno portato perfino a tempeste nel Mediterraneo. Eppure i benefici del verde hanno chiari ed evidenti impatti sulla salute dei cittadini, perché parchi e giardini incitano a fare attività fisica, a ridurre lo stress e contemporaneamente migliorano la qualità dell’aria. Complessivamente con più verde si ridurrebbe la spesa sulle cure mediche. Gli spazi verdi nelle città combattono le isole di calore e la traspirazione riduce l’inquinamento. Ma oltre agli aspetti salutistici, il verde conviene anche dal punto di vista economico. Un immobile con giardino ha sicuramente un valore maggiore sul mercato. Insomma sviluppo sostenibile e ambientale insieme anche per lo sviluppo economico”.
Non a caso Gianluca Bartolini, presidente di Assoimpredia, aprendo il suo intervento ha ricordato i dati allarmanti diffusi dall’agenzia europea dell’ambiente, che stima 400 mila morti l’anno a causa dell’inquinamento. “Il verde salverà il mondo? Forse si ma se le istituzioni, ma anche i cittadini facendo ognuno la propria parte, analizzeranno i cambiamenti ambientali e li governeranno riuscendo così a mitigare gli effetti sulle persone e la salute – spiega Bartolini – Si deve guardare al futuro attraverso misure e azioni che possano permettere di ottenere risultati importanti per la qualità della vita attuale e per quella delle future generazioni. Ognuno, nel suo piccolo, può e deve dare il proprio contributo. In occasione di questo evento di Milano, come Assoimpredia abbiamo lanciato lo sportello telematico ‘lenteverde’ dedicato sia ai cittadini che alle imprese per raccogliere segnalazioni da tutta Italia riguardanti il degrado ambientale ma anche le anomalie sulle procedure pubbliche, per poi diventarne portavoce presso le istituzioni preposte. Saremo da una parte lente di ingrandimento sulle problematiche legate al verde pubblico ma anche l’ente che si pone come interlocutore”.
Ma a sostegno della causa “Green will save the world” oggi pomeriggio esperti, architetti paesaggisti e docenti universitari, hanno dato il proprio contributo fornendo idee ed ipotesi progettuali in parte già sperimentate, casi studio che potrebbero diventare esempi da cui attingere per creare un futuro più sostenibile. E così anche il controllo della vita degli alberi può avvenire attraverso “smart technologies” utili ad effettuare il monitoraggio del verde urbano, favorendo la creazione di quel microclima salutare anche per la vita umana. Lo si fa con il “tree talker” un dispositivo che è una sorta di scatola nera che si installa direttamente sul tronco degli alberi, illustrato dai docenti dell’Università della Tuscia, Andrea Vannini e Riccardo Valentini, quest’ultimo premio Nobel. Il prof. Carmine Guarino, dell’Università del Sannio, ha parlato invece della bonifica dei terreni con i micro-organismi, riuscendo così a ridurre l’utilizzo di fertilizzanti chimici sostituiti da efficaci interventi naturali. Ma nella sua missione di salvare il mondo, il verde diventa anche strumento di salute come spiegato dal primario di oncologia di Massa Carrara, Andrea Mambrini e dall’agronomo Maurizio Lapponi che hanno analizzato l’effetto del verde sui malati di cancro che hanno utilizzato le “terrazze terapeutiche”, vere e proprie terrazze piene di piante che aumentano, già visivamente, la percezione di vitalità che può contribuire positivamente nel percorso di cura. E anche dal punto di vista della somministrazione dei farmaci si sono registrate delle forti riduzioni con il conseguente risparmio economico per il sistema sanitario nazionale. A fianco di queste iniziative ci vuole una diversa strategia, come ricordato da Silvia Brini dell’Ispra secondo cui anche i Comuni devono iniziare a ragionare in termini di infrastrutture green e di servizi ecosistemici nelle aree urbane, immaginando criteri e linee guida per la promozione di foreste urbane e periurbane coerenti con le caratteristiche ambientali, storico-culturali e paesaggistiche dei luoghi. In Italia vi sono già iniziative importanti che riguardano parchi, giardini e anche parti significative di città. Il caso ad esempio di Milano con CityLife, Parco Sempione, Idroscalo o di Torino con i recuperati giardini della Reggia di Venaria, tutti luoghi che saranno in questi giorni oggetto delle professional excursion dei delegati Elca e oggetto delle relazioni degli architetti Maurizio Reggi, Alessia Bellone e Giuseppe Blengini. A suggellare l’evento di Milano, la consegna stamani della prima edizione del premio “Green will save the world” voluto da Assoimpredia, andato alla giornalista e inviata Rai, Francesca Ghidini. A consegnarlo è stato il presidente nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Carlo Verna che ha ricordato il valore dell’informazione nell’ambito dell’ambiente, per non essere più solamente “storiografia dell’istante, ma forte contributo per lo sguardo sul futuro”. Nel ricevere il riconoscimento, la Ghidini ha dedicato il premio “a tutte le vittime delle terre dei fuochi, perché in Italia non c’è solo la terra del fuochi che tutti conosciamo e su cui, anche grazie alla Rai, ho svolto più inchieste e servizi speciali. Ci sono tante altre drammatiche realtà, in Lombardia, nel Veneto, in Toscana e in altre zone d’Italia, spesso senza che nemmeno i cittadini ne siano realmente a conoscenza. Questo premio lo dedico dunque a queste vittime che sono bambini, giovani, mamme, papà. E’ scomodo che qualcuno alzi il coperchio rispetto all’illecito conferimento dei rifiuti ma, anche grazie alla Rai, abbiamo raccontato queste storie non fermandoci alle paure della gente ma approfondendo dal punto di vista scientifico e di impatto ambientale. Anche con più informazione e con le giuste attività, il verde salverà il mondo”. Le conclusioni del convegno sono state affidate a Riccardo Rifici, coordinatore delle attività riguardanti la definizione dei criteri ambientali del Ministero dell’Ambiente mentre i lavori sono stati moderati da Massimiliano Atelli, presidente comitato sviluppo verde pubblico del Ministero dell’Ambiente. Main sponsor dell’evento italiano sono Pellenc Italia e Hymach. Per info e programma dettagliato www.assoimpredia.com

Altre news dai Punti Sostenibili (Archivio)

“Api e Orti”, i dati del progetto su 4 città

Nel 2017, grazie a un accordo fra Conapi-Mielizia e Legambiente ha avuto inizio il progetto

Redazione 15-02-2019

White torna a Milano dal 22 al 25 febbraio e punta sulla moda etica

La moda ama la sostenibilità o almeno le strizza l’occhio sempre di più. I tempi

Redazione 14-02-2019

Canapa Mundi – Fiera Internazionale della Canapa a Roma dal 15 al 17 febbraio

Tra le più grandi fiere del settore in Europa, Canapa Mundi, la Fiera Internazionale della

Redazione 14-02-2019

Salute, gusto e ambiente sostengono il “made in vetro”

Salute, gusto e ambiente sono i tre driver che spingono il “made in vetro”. Anno

Redazione 14-02-2019

Torna a Trento, dal 1 al 3 marzo, l’ottava edizione della Green Week

Torna l’ottava edizione della Green Week, che dal 1 al 3 marzo radunerà a Trento

Redazione 13-02-2019

Legambiente Emilia Romagna: presentazione dossier regionale sui pesticidi

Un lavoro in cui si metteranno in evidenza i dati di uso dei pesticidi, lo

Redazione 12-02-2019

Intesa tra Comune e ATM per il contenimento del rumore

Approvate le linee guida di un’intesa tra Comune e ATM per la predisposizione del Piano

Redazione 12-02-2019

“ReinvenTIAMO Roma”: un piano per la rigenerazione della città

Un progetto di rilancio della città a partire dal recupero degli edifici esistenti, con regole

Redazione 12-02-2019