Insonnia ragazza letto

Insonnia: sintomi, cause, rimedi naturali

L’insonnia è un problema che riguarda il sonno. Purtroppo sono molti ad avere familiarità con questo disturbo, specialmente chi è costretto a ritmi stressanti o presenta alcuni fattori di rischio. Alcuni rimedi naturali possono venire in soccorso, purché si agisce interpretando bene i sintomi e individuando le cause scatenanti del fenomeno.

Spesso si tende ad associare al termine insonnia unicamente il non riuscire affatto a prendere sonno. Tuttavia rientrano in questa definizione anche altri tipi di scarsa qualità del riposo, inclusi l’impiegare diversi minuti per addormentarsi, il riposare soltanto poche ore oppure il risvegliarsi molteplici volte durante la notte.

Insonnia: sintomi ed effetti sull’organismo

Incorrere in una di queste spiacevoli situazioni può indurre determinati effetti sull’organismo. I sintomi dell’insonnia sono l’irritabilità, un calo dei riflessi e delle funzioni cognitive, nonché della capacità di attenzione. Si potrebbe anche propendere verso pensieri negativi e perdite di autostima.

Chiaramente uno dei sintomi principali potrebbe essere rappresentato dalla stanchezza durante le ore diurne. Tra la sintomatologia compare anche lo stress, che rappresenta in realtà anche una potenziale causa. Se non gestito questo rapporto di interdipendenza rischia di trasformarsi in un poco gradevole circolo vizioso.

Essere vittima di forme gravi di insonnia può portare anche a fenomeni pericolosi come allucinazioni, perdita di peso e/o di contatto con la realtà. Dormire in media meno di cinque ore può rappresentare un fattore di rischio per l’insorgere di demenza e del Morbo di Alzheimer. A sostenerlo uno studio del 2021 condotto da un gruppi di ricercatori del Brigham and Women’s Hospital di Boston.

Insonnia: cause

Dormire

Come già accennato poco sopra, lo stress è una delle cause principali di insonnia. Che si tratti di stati d’ansia legati alla sfera lavorativa, alle difficoltà di spostamento in città, ogni evento stressante conta. Soprattutto se non si è riusciti a risolvere o a metabolizzare il tutto prima di mettersi a letto. Tra i fattori scatenanti possono rientrare ovviamente anche questioni in sospeso o che si materializzeranno soltanto in un ipotetico futuro.

Esporsi poco alla luce del sole può influire su alcuni casi di insonnia, in ragione del fatto che tale pratica potrebbe intaccare i ritmi circadiani. Anche andare a dormire a orari spesso differenti può rappresentare un ulteriore fattore di rischio.

Impossibile non sottolineare un’ulteriore causa, che è l’alimentazione. In questo caso può rappresentare sia un fattore di rischio che un possibile rimedio naturale, a seconda dell’attenzione che si porrà a tavola.

Rimedi naturali contro l’insonnia

Cosa fare in caso di insonnia? Innanzitutto occorre evitare di arrivare con troppa adrenalina in circolo al momento di addormentarsi. Evitare le attività più stressanti e impegnative nella parte finale della giornata, riservando al relax almeno un paio d’ore prima di dormire.

Lasciare smartphone e dispositivi elettronici fuori dalla stanza da letto, o tenerli in modalità aereo per evitare un effetto di “dipendenza da notifiche”. In ogni caso cercare di non utilizzare telefonini e computer meno di un’ora prima di dormire.

Prima di mettersi a dormire potrebbe essere il momento ideale per praticare un po’ di respirazione Zen o di meditazione Mindfulness. Si aumenterà il senso di rilassamento e risulterà favorito un sonno naturale e ristoratore. Orientare la propria mente verso pensieri positivi rappresenta un ulteriore punto a favore di un salutare riposo.

Secondo i ricercatori della University of Pennsylvania assumere ogni giorno un bicchiere di succo di ciliegie aiuta a fare il pieno di melatonina, migliorando il sonno. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Medicinal Food. Ottimi rimedi naturali contro l’insonnia si rivelano anche l’escolzia, la melissa, la passiflora, il papavero e l’iperico.

Tisane rilassanti

Quando il problema è lo stress le tisane rilassanti possono rivelarsi un’ottima soluzione naturale. Contro questo tipo di insonnia possono risultare positivi gli infusi di camomilla e valeriana, magari con l’aggiunta di un po’ di malva. Utilizzare tre grammi per ciascuna inflorescenza e lasciare in infusione per 5 minuti; filtrare e consumare non appena bevibile.

Ottima anche la tisana rilassante a base di tiglio, biancospino e lavanda. In questo caso utilizzare un cucchiaino abbondante per ciascun rimedio naturale, lasciando in infusione anche qui per 5 minuti. Consumare, non appena bevibile, dopo aver filtrato l’infuso.

Oli essenziali

Lavanda

Alcuni oli essenziali si rivelano molto efficaci nel trattare l’insonnia. Su tutti i quattro più consigliati sono quelli di camomilla, lavanda, gelsomino e sandalo.

Insonnia: alimentazione corretta

Veniamo infine al capitolo alimentazione. Quando si è a rischio insonnia o si incorre più volte in tale disturbo è opportuno volgere uno sguardo anche alla propria dieta. Vi sono alcuni alimenti che più di altri possono favorire il sonno, così come determinati cibi e bevanda capaci di influire negativamente.

Cosa mangiare

I carboidrati complessi sono dei preziosi alleati del riposo notturno, quindi via libera ai cereali integrali durante le ore diurne (a colazione, pranzo e merenda). In questo modo si farà anche il pieno di triptofano, magnesio e vitamine B1/B6, tutte sostanze capaci di influire in maniera positiva sul sonno.

Alla sera può essere lasciato spazio ai legumi, alle verdure a foglia verde (come gli spinaci), ma anche a zucchine, carciofi e cavoli.

Insonnia: cosa non mangiare

Quando si parla di insonnia c’è purtroppo anche una lista di alimenti da evitare. Cosa non mangiare quando si fa fatica a dormire? Innanzitutto cibi fritti e ricchi di grassi, che rallenteranno la digestione rendendo più difficile ottenere un riposo efficace. Meglio evitare anche l’assunzione di bevande alcoliche e contenenti caffeina.

Attenzione infine a tutti gli alimenti che contengono tiramina, da cui dipende la produzione di adrenalina. Chi soffre di insonnia dovrebbe evitare di consumare la sera pesce in scatola, formaggi stagionati, affettati e insaccati in generale, ma anche tutti quei cibi sottoposti a processo di affumicatura.