Invasione cinghiali: la protesta degli agricoltori

Oggi 8 luglio 2021 dalle ore 9.00 a Milano agricoltori e allevatori protesteranno contro l’invasione dei cinghiali. La protesta è organizzata in piazza Città di Lombardia, per il fenomeno dell’invasione di cinghiali negli spazi urbani e rurali.

Saranno presenti insieme al presidente della Coldiretti regionale Paolo Voltini, i rappresentanti delle istituzioni e della politica a livello regionale, provinciale e comunale.

Sul fenomeno inusuale dei cinghiali che circolano per le strade delle città, se ne parla già da un pò. Esattamente da quando, con l’emergenza Covid, si sono susseguiti diversi lockdown in tutta Italia.

Con il primo lockdown italiano, quello cominciato a marzo 2020, gli animali selvatici come i cinghiali si sono sentiti finalmente liberi di invadere le strade cittadine, indisturbati perché deserte.

Lentamente questo fenomeno però si è trasformato in un vero e proprio allarme. Gli animali selvatici infatti sono arrivati fino alle strade e piazze cittadine ma anche nei giardini delle scuole e nei parchi frequentati dai bambini. Ciò è diventato quindi un grosso problema, perché i cinghiali e gli animali selvatici in generale distruggono tutto soprattutto produzioni alimentari e raccolti.

Inoltre assediano campi e causano incidenti stradali con morti e feriti. Nei centri urbani poi razzolano tra i rifiuti con pericoli per la salute e la sicurezza delle persone.

Parallelamente alla protesta di Milano, si svolgeranno mobilitazioni in altre città italiane da Napoli a Torino, da Bologna a Palermo, da Cagliari a Bari fino a Piazza Montecitorio a Roma.

Oltre all’ hashtag #bastacinghiali, per l’occasione sarà diffusa l’analisi Coldiretti su “Covid e l’assedio dei cinghiali in Italia”: i rischi per la sicurezza, l’ambiente e la salute e le proposte concrete per garantire la sopravvivenza delle aziende agricole e la tranquillità dei cittadini.

La protesta è trasmessa in diretta streaming sul sito della Coldiretti.