Italia Nostra Milano Nord: due appuntamenti dedicati all’architettura moderna

Milano – Dopo parchi e orti, giardini e boschi, la Sezione di Italia Nostra Milano Nord, con la sezione di Milano Nord Ovest, propone a Soci e Amici due appuntamenti dedicati all’architettura moderna firmata da grandi maestri della scuola milanese: itinerari guidati per scoprire o riscoprire le chiese del secondo dopoguerra quasi tutte sorte nelle periferie storiche o nate in contemporanea in quegli stessi anni.
Chiese importanti, non sempre “capite” e comunque in genere conosciute solo dagli abitanti degli
stessi quartieri di appartenenza. Vale la pena di conoscerle meglio per rintracciare e capire i segni
dell’architettura moderna e insieme i segni della spiritualità interpretati da nomi quali Giovanni Muzio, Gio Ponti, Giancarlo De Carli, Figini e Pollini, Vico Magistretti…
Gli itinerari – realizzati anche con il sostegno del Credito Valtellinese – sono guidati dagli architetti
Carlo Capponi e Alberto Coppo studiosi di queste architetture religiose, insieme a Luisa Toeschi
presidente della Sezione di Milano Nord.
Sono di sabato e si parte entro le 9,30 da Conciliazione…tutto indicato nella locandina allegata!
Per info milanonord@italianostra.org oppure cell 347 53 16 254 (Valentina)

Primo itinerario: sabato 19 marzo 2016. Dalla centrale zona di via Sarpi al quartiere Gallaratese attraverso il QT8 – con il commento dell’arch. Carlo Capponi.
Il percorso parte dalla zona di via Paolo Sarpi e dalla Chiesa della Santissima Trinità, costruita dal
1964 al 1967 su progetto di Fritz Metzger, per sostituire la precedente chiesa parrocchiale, posta poco distante e abbattuta per necessità urbanistiche, di cui resta solo il campanile.
Proseguendo verso la grande piazza Damiano Chiesa si arriva alla seconda tappa del nostro
percorso: la Chiesa di Sant’Ildefonso, opera dell’architetto Carlo De Carli e inaugurata nel 1956, è
dedicata dall’arcivescovo Giovanni Battista Montini alla memoria del cardinale Ildefonso Schuster.
Attraversando il quartiere QT8, realizzato del secondo dopoguerra e dove, nel 1946-47 sono sorte le
prime case destinate principalmente a reduci e senzatetto, si trova la Chiesa di Santa Maria
Nascente, di forma circolare, a forma di tenda, disegnata dagli architetti Vico Magistretti e Mario
Tedeschi. Per la chiesa è stata impiegata la tecnica moderna del cemento armato con mattoni a vista, l’edificio circolare si sorregge sui pilastri e muri perimetrali, senza l’ausilio di colonne interne. Il primo percorso termina nel quartiere Gallaratese con la recente Chiesa di Sant’Ambrogio ad Urbem, realizzata negli anni tra il 1996-99 ad opera dell’architetto Giangiacomo D’Ardia.

Secondo itinerario: sabato 16 aprile 2016. Dal quartiere Giambellino al centro storico di Baggio, passando per Inganni – con il commento dell’arch. Alberto Coppo.
La prima Chiesa del nostro itinerario, San Francesco d’Assisi al Fopponino, sorge su un’area
precedentemente occupata dal Fopponino di Porta Vercellina, cimitero aperto nell’anno 1576 durante
la grande peste di San Carlo e soppresso nel 1895. La progettazione della chiesa venne affidata nel
1961 all’ architetto Gio Ponti e terminata nel 1964.
Passando al quartiere Giambellino il percorso conduce alla Chiesa di Santo Curato d’Ars, realizzata
tra il 1960 e il 1963 dall’architetto monsignor Enrico Villa, con l’altare circondato da tre pilastri che
partono dalle fondamenta e salgono fino a formare il particolare campanile, all’esterno.
Proseguendo verso Baggio è prevista la visita alla Chiesa della Madonna dei Poveri (1952-54),
dall’aspetto essenziale e disadorno ma di grande interesse architettonico, frutto del lavoro dello studio Figini e Pollini.
Tornando in direzione di via delle Forze Armate ci soffermiamo alla Chiesa di San Giovanni Battista
alla Creta costruita su progetto di Giovanni Muzio, grande architetto milanese, e consacrata nel 1958, con esterno in mattoni a vista e soffitto interno con vele ornate da decorazioni pittoriche.

Luisa Toeschi – cell 335 66 044 97
Presidente Italia Nostra Milano Nord