La bioprofumeria, una nuova realtà per la bellezza: a Milano 5 indirizzi giusti!

Anche per la cura del nostro corpo possiamo utilizzare cosmetici a basso impatto ambientale e in grado di tutelare la nostra salute. Quotidianamente ci cospargiamo di un’impressionante gamma di prodotti. Ma quanto ne sappiamo di loro? Quali sono gli ingredienti che li compongono? Saranno dannosi? Sono stati utilizzati animali per la loro sperimentazione?
Un prodotto naturale per il nostro benessere NON deve contenere: petrolati, oli minerali e lanoline che ostacolano l’assorbimento dei principi attivi, PEG (polimeri provenienti dalla lavorazione del petrolio) e conservanti (per limitare rischi di allergie), SLS e SLES (per una detergenza naturale), coloranti sintetici (lasciando a ciascun prodotto il colore dato dai suoi componenti), materie prime transgeniche per non alterare i ritmi della natura. Non deve essere testato clinicamente su essere viventi non consenzienti o confezionato con inutili imballaggi.
Da marzo 2013 è in vigore il divieto di vendere o importare prodotti o ingredienti cosmetici testati sugli animali e diverranno obbligatorie etichette che garantiscono la sicurezza dei consumatori. Attenzione perché occorrerà tempo per smaltire le scorte di magazzino e sarà sempre bene controllare la lista dei componenti per verificare l’assenza di derivati animali (INCI-International Nomenclature of Cosmetic Ingredients).
Purtroppo la nuova legge non vieta i test per i detersivi, gli additivi alimentari e le vernici; bisognerà, quindi, ancora far riferimento alle aziende che hanno aderito allo Standard Internazionale cruelty-free (solo per i detersivi).
Quando poi gli ingredienti derivano da sfruttamento e uccisione di animali non possono, comunque, essere considerati cruelty-free: parliamo di grassi, oli e gelatine animali, acido stearico, glicerina, collagene, placenta, ambra grigia, muschio di origine animale, zibetto, castoreo, latte, panna, siero di latte, uova, lanolina, cocciniglia (E120, CI 75470), miele, cera d’api, propoli e pappa reale.
Del resto, nessun rossetto o shampoo testato su un topo ci ha mai garantito che sarà poi innocuo anche sulla nostra pelle, visto che tra noi e un roditore c’è qualche piccola differenza!

Tra Milano e provincia abbiamo selezionato 5 ottime bioprofumerie. Ecco Belle & Bio, nata nel 2009 per diffondere il nuovo rituale per la cura di sé nel rispetto pieno del pianeta. Completa la gamma di prodotti per la cura di viso, corpo, capelli, per l’igiene personale, profumi e make-up tutti certificati biologici (Via Plinio 28 –www.bellebioshop.com); in zona Tortona trovate Bio liberté specializzata nei maggiori brand di make up e cosmesi naturale: Couleur Caramel, Neve, Avril, L’Atelier. Anche bigiotteria ed eventi dedicati alla bellezza (Via Vincenzo Foppa 40 – www.bioliberte.it).
Da BioNature (Piazza Risorgimento 4 – tel. 02 799889 – risorgimento@bio-nature.it) tanti prodotti che spaziano dai cosmetici bio agli integratori alimentari, dalle tisane, all’oggettistica; esperti presenti in negozio sono in grado di orientare la scelta anche di chi si trovi all’inizio di un percorso di benessere. Terapie olistiche e test per le intolleranze.
Thymiama Bioprofumeria è stato il primo franchising di bellezza a concentrarsi esclusivamente su prodotti biologici e naturali. Nell’ottobre 2012 apre il punto vendita lombardo in una traversa di Corso Sempione. Tra le proposte fondotinta, ciprie, blush, ombretti, correttori minerali. E ancora saponi colorati e trasparenti, profumi biologici, acque profumate, scrub, creme corpo, sieri anti-age, shampoo naturali per tutti i tipi di capelli (Via Emanuele Filiberto 4 – www.thymiamamilano.it).
A San Zenone al Lambro potete rifornirvi da AmicidiNatura. Tra le altre marche citiamo Alchimina natura, Fitocose, Bjobj, La Saponaria, Bioearth, Esprit Equo, Tea Natura, Pilogen Carezza, Flora, Officina Naturae, Verdesativa, Neve cosmetics, Badger Balms, Biofficina Toscana, Khadi, Akamuti, Sante, Lavera (Via Fratelli Bernocchi 7 – www.amicidinatura.it).

di Marzia Fiordaliso