Linea 1 Napoli: il 6 agosto aprirà la fermata Duomo

Linea 1 Napoli: il 6 agosto aprirà la fermata Duomo

Venerdì 6 agosto aprirà la fermata Duomo della Linea 1 della Metro di Napoli: una inaugurazione che arriva dopo ben 20 anni di lavori che continueranno per portare alla luce i ritrovamenti rinvenuti durante gli scavi. Nello specifico si lavora sul tempio romano ritrovato a soli otto metri dalla superficie di piazza Nicola Amore.

Secondo quanto riporta NapoliToday, in origine doveva essere visibile anche dall’esterno della stazione grazie ad una speciale cupola trasparente. Attualmente però la realizzazione della cupola è stata fermata per motivi economici. Nell’idea di Massimiliano Fuksas, che firma il progetto, entrando nella stazione in questione si potrà vivere un esperienza “di luci”, che cambieranno colore seguendo quella naturale del giorno e della notte.

Nella stessa fermata è stato trovato un Complesso monumentale di Giochi olimpici realizzato in onore dell’imperatore Augusto, su modello dei giochi di Olimpia, formato da un Tempio (di cui vi abbiamo appena parlato) ed un Portico con strutture annesse, senza dimenticare i resti delle Mura di fortificazione della città tra Via Duomo e via Filangieri.

Altre news

Questi ritrovamenti – come quelli per la fermata Municipio – saranno integrati nel percorso di accesso alla stazione: è prevista infatti una galleria museale che rivive la storia del capoluogo campano, grazie alle testimonianze trovate durante i lavori come i torrioni dell’Incoronata e del Molo, le fortificazioni di età vicereale, gli edifici di età angioina e le imbarcazioni di epoca ellenistica e romana.

Si tratta di un vero e proprio complesso che parla della storia della città partenopea dall’età greca all’età moderna: “Lo stretto coordinamento fra il Comune di Napoli, la società Metropolitana di Napoli, la Soprintendenza Archeologica, i nostri Uffici e i progettisti ha consentito di definire un progetto di protezione e musealizzazione degli scavi finalizzato alla realizzazione di due Stazioni-Museo per le quali il Ministero delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili nell’ambito del Piano Operativo Infrastrutture ha stanziato un ulteriore finanziamento di 30 milioni”, ha dichiarato il Vicesindaco Carmine Piscopo.