Maniglie dell'amore pancia

Esercizi per eliminare le maniglie dell’amore: i 5 migliori per uomo e donna

Le maniglie dell’amore rappresentano spesso uno dei principali problemi per chi vuole tornare in forma. Si tratta di un inestetismo tutt’altro che innocuo, che oltre a risultare non sempre gradevole è anche indice di rischi per la salute. Esistono però degli esercizi che aiutano a eliminare le maniglie dell’amore, utili sia per uomo che per donna.

Un nome che potrebbe risultare simpatico a primo impatto, coniato intorno alla metà del Novecento. Un’espressione che nasconde una problematica importante, caratterizzata dall’accumulo di grasso appena sopra i fianchi e i glutei. Vediamo quali sono i maggiori pericoli per la salute e quali gli esercizi per eliminare le maniglie dell’amore.

Maniglie dell’amore: quali rischi per la salute

Gli accumuli di grasso noti come maniglie dell’amore rappresentano un importante fattore di rischio di tipo metabolico. A sostenerlo diversi recenti studi, secondo i quali proprio la localizzazione di queste sacche adipose giocherebbe un ruolo chiave.

In particolare si ritiene possano incidere soprattutto per quanto riguarda l’incremento del rischio di malattie cardiovascolari. Inoltre giocherebbero un ruolo importante anche nel favorire l’insorgenza del diabete.

Gli stessi studi hanno inoltre sottolineato come il rischio cardiovascolare e metabolico risulti aggravato in generale dall’accumulo di grasso a livello addominale. Anche la proverbiale “pancetta” rappresenterebbe un problema di cui sbarazzarsi quanto prima, soprattutto per quanto riguarda gli uomini.

Come eliminare le maniglie dell’amore: esercizi per uomo e donna

Plank esercizi contro maniglie dell'amore

Eccoci arrivati a quelli che sono gli esercizi per uomo e donna per eliminare le maniglie dell’amore. Si tratta di un piccolo circuito, della durata complessiva di circa 3-4 minuti (5 esercizi da 30 secondi intervallati da 10 secondi di pausa), che può essere ripetuto più volte per incrementarne l’effetto. In caso di scarsa disponibilità di tempo, anche una sola serie rappresenterà comunque un aiuto per rimuovere il fastidioso accumulo di grasso.

Attivazione degli addominali

Si comincia eseguendo l’attivazione degli addominali, un esercizio della durata di 30 secondi durante la quale prepareremo gli addominali al lavoro successivo. Per cominciare stendersi per terra, meglio se utilizzando un tappetino, con le ginocchia parzialmente piegate e rivolte verso l’alto. Poggiare le mani sulle cosce e scorrerle verso il ginocchio, con successivo ritorno alla posizione originale. Utilizzare esclusivamente gli addominali per la salita e la discesa del tronco, ripetendo il movimento più volte durante i 30 secondi. Terminato il mezzo minuto è prevista una pausa di 10 secondi prima dell’esercizio successivo.

Toccare i talloni

Utilizzare la medesima posizione di partenza dell’esercizio precedente, a eccezione delle braccia che saranno distese lungo il tronco. Sollevare leggermente il busto e toccare i talloni con le mani, alternando il lato sinistro con il destro. Trenta secondi, poi dieci di pausa.

Bycicle Crunch

Il terzo esercizio sarà il Bycicle Crunch. Si tratta di uno degli esercizi più efficaci, ma attenzione a non sforzare la muscolatura del collo. Il lavoro più pesante dovrà essere operato unicamente dagli addominali e solo in parte dagli altri muscoli del tronco. Da sdraiati, portare le mani dietro la testa ed eseguire dei crunch alternati destra/sinistra; allo stesso tempo piegare al petto la gamba opposta (ginocchio destro, crunch lato sinistro).

Russian Twist

Il quarto esercizio è denominato Russian Twist, e prevede la rotazione alternata del busto a mani giunte. Si esegue da seduti, tronco leggermente inclinato all’indietro, ginocchia appena piegate e gambe leggermente sollevate da terra. Durante le prime sessioni potrebbe risultare troppo pesante eseguire questo esercizio secondo tali modalità; è possibile scegliere la versione “Semplice”, mantenendo i piedi poggiati a terra.

Plank

La Plank è un esercizio ormai classico, che ben si presta a migliorare la tonicità dei muscoli addominali. La posizione è simile a quella assunta per le flessioni, ma il peso della parte anteriore sarà sugli avambracci. Poggiando il peso sulle mani, con le braccia stese, il lavoro verrà svolto anche dagli arti superiori  (risultando più gravoso, soprattutto agli inizi). Per evitare problemi alla schiena mantenere la contrazione di addominali e glutei durante l’esecuzione della tecnica. Terminati i 30 secondi attendere 1-2 minuti prima di procedere con l’eventuale serie seguente.

Alimentazione per eliminare le maniglie dell’amore: consigli utili

Mangiare sano dieta

Per quanto possano risultare efficaci gli esercizi consigliati è bene sottolineare come sia necessario operare alcuni aggiustamenti anche a livello di alimentazione. Seguire una dieta bilanciata e priva di alimenti troppo grassi o zuccherati si rivela un elemento fondamentale.

Ferma restando l’opportunità di affidarsi a un/una nutrizionista, un semplice e pratico modo per migliorare la propria condizione è gestire quelle che sono le tipologie di alimenti consumati. Al di là del monte calorico, ovvero delle calorie ingerite con il cibo, diversi studi hanno indicato nella qualità di queste kcal un elemento di primo piano.

In generale il consiglio è di individuare quello che è il proprio consumo basale, ovvero la quantità indicativa di calorie consumate senza svolgere attività fisica. Fissare di conseguenza l’assunzione di alimenti cercando di posizionarsi a ridosso di tale quota, quindi svolgere esercizio fisico (aerobico e anaerobico) per ottenere il calo di peso desiderato.

Dieta Mediterranea, un’alleata per dimagrire

La Dieta Mediterranea si rivela un ottimo punto di partenza, se non di arrivo. Si tratta di un’alimentazione ricca di cereali integrali, frutta, verdura, frutta secca col guscio, legumi e grassi vegetali insaturi. Possibile anche consumare del pesce, prevalentemente azzurro, e un limitato quantitativo di uova, latticini e carni bianche. La carne rossa non è espressamente vietata, ma deve essere consumata solo di rado e in piccole quantità.