Maurizio Costanzo Wwf

Maurizio Costanzo, il Wwf piange la sua scomparsa

Maurizio Costanzo, colonna della televisione italiana e volto tra i più amati del piccolo schermo, se n’è andato oggi ad 84 anni e il Wwf piange la sua scomparsa. Aveva spesso sostenute le grandi battaglia ambientaliste da quella contro la caccia a quella contro i crimini ambientali contribuendo a creare tra la gente una vera coscienza green.

Costanzo è stato per il Wwf più di un amico, aderendo e diffondendo grazie alle sua grandi capacità di comunicatore, campagne come “L’ambiente è cosa nostra” o quella dedicata all’adozione di specie protette, alle raccolte fondi per salvare aree naturalistiche, come “Operazione beniamino” sempre con uno sguardo attento e un animo sensibile verso le storie, le persone e ovviamente gli animali.

Maurizio Costanzo, un grande impegno civile

Con il suo Costanzo Show, all’inizio degli anni ’90, trattò temi delicati come quello delle cave abusive, delle opere pubbliche inutili e dannose, dell’acqua in Sicilia, delle speculazioni edilizie, costruendo con il suo gruppo servizi d’inchiesta commentati in studio, servizi che rimangono ancora testimonianza di un impegno civile profondo e vero oltre che di battaglie vinte.

La determinazione di Costanzo guardava anche oltre i confini italiani e la sua adesione alla campagna “Salvamondo”, promossa da Amnesty, UNICEF e WWF, permise di rendere noti al grande pubblico i crimini contro gli esseri umani e la natura che all’inizio degli anni 2000 si perpetravano ancora in Congo.

Si era spesso prodigato per fornire consigli intelligenti e profondi di cui, ancora oggi, il Wwf fa tesoro, contribuendo a diffondere i valori e la cultura della conservazione della natura e della sostenibilità ambientale senza mai perdere di vista i diritti umani e l’equità sociale.

L’ufficio stampa del grande giornalista comunica che la camera ardente sarà allestita da domani, sabato 25 dalle 10.30 in Campidoglio e sarà accessibile al pubblico fino alla 18 di domenica.

Foto di Fabio Frustaci per ANSA