Autobus a Roma

Mezzi pubblici gratuiti a Roma? Le parole di Gualtieri su trasporti e situazione incendi

Avere i mezzi pubblici gratuiti a Roma sarebbe il sogno di tutti i cittadini e presto potrebbe diventare realtà. Almeno a detta del sindaco Roberto Gualtieri, che nelle scorse ore ha parlato della situazione della Capitale sia per i trasporti, sia per la situazione attuale degli incendi.

Per quanto riguarda i mezzi pubblici, l’idea arriva dal modello già attuato in Germania e in Spagna. Già dal prossimo autunno potrebbero esserci delle belle novità per i lavoratori, per chi ha un reddito basso e per aiutare i cambiamenti climatici. In Germania è stato istituito Klimaticket, un biglietto al costo di 9 euro al mese per giugno, luglio e agosto, valido tutti tutti i mezzi di trasporto, fatta eccezione dell’alta velocità.

In Spagna invece da settembre a dicembre abbonamenti e biglietti dei treni saranno gratuiti per abbattere l’incremento dei prezzi energetici e per incentivare l’utilizzo di mezzi sostenibili. Ha dichiarato il primo cittadino di Roma:

Lo Stato investe, abbiamo risorse che si possono utilizzare per il buon andamento delle entrate fiscali, non è necessario fare uno scostamento né aumentare le tasse. Così aiutiamo in modo concreto le fasce di lavoratori e di pensionati a basso reddito, si aiuta a rilanciare la cultura del trasporto pubblico e si investe sul trasporto pubblico. Penso ci siano le risorse per fare quanto fatto in Germania e Spagna.

Incendi a Roma: rifiuti, cosa accadrà nelle prossime settimane

Oltre al tema dei mezzi pubblici gratuiti a Roma, un altro punto che sta molto a cuore a Gualtieri è quello degli incendi delle ultime settimane. Ricordiamo l’incendio a Malagrotta e il maxi incendio che ha colpito varie zone di Roma. Senza dimenticare l’incendio a Centocelle della scorsa settimana e quello di ieri alla Pisana.

Secondo il sindaco entro una settimana l’emergenza rifiuti sarà superata e per far sì che Roma sia pulita come un “borgo del Trentino” ci vorranno due anni Ha aggiunto:

Ho il dovere di spiegare ai cittadini che se va a fuoco e diventa non utilizzabile l’impianto più grande che tratta 8.000 tonnellate di rifiuti a settimana, è chiaro che una parte di essi, finché non si trovano sbocchi alternativi, rimangono sulle strade. Stiamo lavorando con il massimo impegno proprio per superare questa situazione.