Risparmio energetico: porte chiuse per tutte le attività commerciali

Dal 1° gennaio 2022 le attività commerciali di Milano avranno l’obbligo di chiudere le porte per il risparmio energetico; una nuova misura contro lo spreco di energia e calore. Si tratta del “Regolamento per la qualità dell’aria” approvato dal Consiglio comunale per introdurre azioni contro la dispersione energetica; l’obbiettivo è il contenimento delle emissioni di CO2 per esercizi commerciali, pubblici esercizi ed edifici aperti al pubblico.

Con questa iniziativa Milano si dimostra sempre più attenta all’ambiente e al risparmio energetico. In particolare con questo regolamento i negozi sono obbligati a tenere le porte chiuse per incentivare il risparmio energetico. Come? Evitando sprechi e riducendo le emissioni inquinanti; a questo si aggiunge il fatto che in questo particolare momento di incremento di contagi, si contribuisce a regolare il flusso e la presenza di persone all’interno delle attività commerciali.

A tenere le porte chiuse saranno gli esercizi commerciali, pubblici esercizi e gli edifici aperti al pubblico nei quali è attivo un impianto di climatizzazione invernale o estiva.

Invece delle tradizionali porte, in alternative possono essere installati dispositivi di ingresso che garantiscono comunque l’isolamento termico degli ambienti come porte a bussola o dispositivi a lame d’aria che evitano la dispersione del calore e lo spreco di energia.

Nel caso di dispositivi a barriera d’aria installati prima del novembre 2020, data dell’entrata in vigore del Regolamento, ci sarà tempo sino al 1° giugno 2022 per l’adeguamento o l’eventuale dismissione degli impianti.