drone

Mobilità sostenibile: i droni come mezzo di trasporto

Manca poco e il futuro sostenibile che ci immaginiamo per le città, diventerà il nostro presente. Tra circa tre anni infatti molto probabilmente alzando gli occhi al cielo, vedremo volare i droni e i veicoli elettrici a decollo verticale per il trasporto di persone, merci e farmaci in città. Questo almeno è quanto accadrà nella città di Firenze, grazie al protocollo firmato da Enac e Comune di Firenze, per la promozione della mobilità aerea avanzata.

Droni a Firenze: cosa prevede il protocollo per la nuova mobilità sostenibile

Con la firma del protocollo per l’utilizzo di una nuova mobilità sostenibile si raggiunge l’obbiettivo che il Comune di Firenze si era posto. Sviluppare una mobilità aerea efficiente, sicura e appunto sostenibile; in grado anche di lavorare a braccetto con le infrastrutture aeroportuali e quelle del trasporto pubblico. Di fatto Firenze sarà tra le prime città europee a sperimentare dei sistemi tecnologici avanzati per il trasporto aereo di  merci e persone. Ecco cosa ha detto il sindaco Dario Nardella:

Firenze sarà tra le prime città europee a sperimentare sistemi tecnologici avanzati per il trasporto aereo di merci e persone. Questo protocollo rappresenta una novità assoluta che ci metterà in condizione di cominciare a lavorare seriamente a una infrastruttura nuova e moderna che preveda ad esempio aree riservate a droni a decollo verticale per il trasporto persone; o sistemi di controllo del territorio per la sicurezza urbana; o ancora attività di delivery.

Con lo sviluppo di una nuova mobilità sempre più avanzata, come quella che prevede l’uso dei droni a Firenze, si potrà presto arrivare alla piena realizzazione del modello di green city e smart mobility. Questi mezzi di trasporto tecnologici potranno essere utilizzati in diversi ambiti come il trasporto di persone, oppure nei sistemi di controllo del territorio per la sicurezza urbana; o ancora per le attività di delivery e per i servizi al cittadino.