Monopattini a Roma

Monopattini a Roma: nuove regole per il car sharing dal 2023

Novità per il car sharing dei monopattini elettrici a Roma a partire dal 2023. La Giunta di Roma Capitale ha approvato qualche giorno fa una delibera con le linee guida per il noleggio di questi mezzi. Con questo nuovo bando gli operatori diminuiranno a 3 (attualmente sono 7) e lo stesso accadrà per i veicoli: al massimo 9mila al posto di 14.500. Minore anche il numero di ebike che passa così da 12.500 a 9mila.

Il tutto entrerà in vigore a cominciare dal 1° gennaio 2023. Una bella novità per la Città Eterna, visto che fino ad oggi non c’erano delle vere e proprie regole per i monopattini in car sharing. Ha dichiarato in merito il sindaco di Roma Roberto Gualtieri:

Diamo il via libera ad una razionalizzazione della presenza dei monopattini in città, riducendoli nel numero e garantendo regole chiare che favoriscano il servizio su tutto il territorio cittadino e limitino gli abusi, nell’utilizzo, nella velocità e nelle possibilità di parcheggio.

Un altro passo nell’impegno per il decoro della Capitale, che nella mobilità si affianca agli investimenti sul rinnovo del parco autobus, sulle nuove tranvie, sulle manutenzioni di rotaie e convogli delle metropolitane e sui disincentivi all’uso dell’auto privata.

Monopattini elettrici Roma: cosa cambia per il car sharing

Chi non può usufruire del bonus monopattino e usa questo mezzo solo sporadicamente, ora deve stare attento alle nuove regole per i monopattini elettrici a Roma. Il Comune troverà le nuove aree di no parking e quelle in cui inserire gli stalli. Prevista anche una distanza minima di 70 metri fra gli stock di vetture dello stesso operatore. Inoltre per terminare il noleggio sarà necessario fotografare il veicolo e inviare la foto attraverso l’applicazione.

I monopattini elettrici in car sharing avranno nuove caratteristiche: una targa metallica e noleggi solo per maggiorenni. Ancora, una velocità massima di 20km/h e l’obbligo di iscrizione con carta d’identità. Ha commentato anche l’assessore alla Mobilità Eugenio Patané:

Con questo nuovo regolamento andiamo a sanare diverse criticità in un ambito molto sentito dai cittadini, sia dal punto di vista della sicurezza che da quello relativo al decoro urbano. Contestualmente la nuova disciplina ci consente di dare a questi mezzi una vera e propria funzione trasportistica, che deve essere quella dell’ultimo miglio, come prevede la filosofia della cosiddetta sharing mobility, estendendo il servizio in maniera capillare su tutti i municipi.