Ondate di calore Firenze ambiente, area verde

Nardella: “Firenze ospiterà un summit per l’ambiente”

Firenze ospiterà un grande summit per l’ambiente. Ad annunciarlo è il sindaco del capoluogo toscano Dario Nardella, intervenuto durante una seduta del consiglio comunale fiorentino, pronto a rilanciare un’agenda green comune tra istituzioni e associazioni.

Nardella conferma di avere già interpellato alcuni sindaci delle grandi città italiane. Tra i primi cittadini contattati Roberto Gualtieri per Roma, Giuseppe Sala per Milano, Stefano Lo Russo per Torino, Gaetano Manfredi per Napoli, Antonio Decaro per Bari e Matteo Lepore per Bologna.

Tutela della cultura e tutela della natura saranno i due binari lungo i quali si muoverà l’iniziativa promossa da Nardella. Per quanto riguarda invece il periodo in cui dovrebbe svolgersi l’evento, l’inquilino di Palazzo Vecchio annuncia che è previsto per dopo l’estate. In merito al futuro summit per l’ambiente, lo stesso primo cittadino di Firenze ha dichiarato:

Già nei prossimi giorni inviterò a Palazzo Vecchio i referenti nazionali di questi movimenti e organizzazioni. In questa epoca di profondi cambiamenti, di prove inedite, di incertezza e preoccupazione diffusa per il futuro soprattutto da parte delle giovani generazioni, se le città e i sindaci sapranno incidere sulle scelte future con grande coraggio e concretezza, ciò rappresenterà un fatto positivo e decisivo per determinare la politica italiana e il futuro della sinistra nei prossimi anni.

Dario Nardella si è reso protagonista nei giorni scorsi di un tempestivo intervento per fermare alcuni attivisti di Ultima Generazione, intenti a imbrattare di vernice Palazzo Vecchio per protestare contro la mancata approvazione di misure contro la siccità. Azione che per contro è costata l’impiego di circa 5mila litri d’acqua, utilizzati per la pulizia del palazzo trecentesco. A riguardo il primo cittadino di Firenze ha dichiarato:

Non si può colpire l’arte, la cultura, la memoria per promuovere una protesta, anche la più condivisibile. Per noi questo principio è irrinunciabile.