Alberi

Verde urbano: 1 milione e 800mila di nuovi alberi in 11 città italiane

Più di un milione e 800mila alberi sono in arrivo in undici città italiane. I capoluoghi scelti sono Roma, Torino, Napoli, Genova, Venezia, Palermo, Bari, Messina, Catania, Reggio Calabria e Cagliari.

Il ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica ha raggiunto l’obiettivo definito dalla road map europea per l’anno corrente per quanto riguarda la misura “Tutela e valorizzazione del verde urbano ed extraurbano“. Nello specifico il traguardo previsto è stato superato con un investimento che coinvolge, almeno fino ad oggi, le città metropolitane sopra citate.

Alberi in città: 1 milione e 800 mila nuove piante

Gli alberi arriveranno nelle città secondo il Piano di forestazione urbana ed extraurbana. In questo modo ogni comune può seguire una metodologia che si basa su riferimenti scientifici solidi e piantare le specie di arbusto più coerenti con l’area geografica di appartenenza.

Questi obiettivi sono stati raggiunti anche grazie al lavoro delle stesse città che hanno presentato i loro progetti al Mase e poi realizzato la piantumazione grazie all’aiuto del Cufa – Arma dei Carabinieri, Comando unità forestali ambientali e agroalimentari che ha messo a disposizione oltre due milioni di semi. Per quanto riguarda i tipi di arbusti che verranno seminati o piantati si tratta di 55 arborei e 55 arbustivi. Ha dichiarato il ministro Gilberto Pichetto:

È un grande investimento pubblico che mira a preservare e rafforzare la biodiversità, ridurre l’inquinamento atmosferico e migliorare la qualità dell’aria. Si tratta di un passo fondamentale per raggiungere l’obiettivo finale di piantare entro il 2026 almeno sei milioni e seicentomila alberi in 14 Città metropolitane, coprendo in totale 1.268 Comuni, pari al 15,47 per cento del territorio nazionale, dove vivono più di 21 milioni di persone. Come Mase e come governo stiamo lavorando intensamente per conseguire tutti i traguardi del secondo semestre 2022, per poter presentare a Bruxelles la terza richiesta di pagamento entro la fine di dicembre prossimo. Siamo in dirittura d’arrivo.

Ricordiamo l’attenzione di tutte le città italiane alla valorizzazione del verde urbano. Una risorsa che svolge molteplici funzioni tra cui quella di mitigare gli effetti del degrado generato dall’urbanizzazione e regolare i picchi termici estivi.

Solo qualche settimana fa il sindaco di Roma Roberto Gualtieri ha presentato in Campidoglio il Piano verde per Roma. Stiamo parlando di alcuni investimenti che porteranno ad alcune operazioni su ville e giardini di singoli quartieri (come Villa Ada, Serenissima, Centocelle e Tor Tre Teste). In tutto 61 provvedimenti diversi, di cui alcuni già partiti mentre altri prenderanno il via tra la fine del 2022 e l’inizio del 2023.