Nuovo piano aria Emilia Romagna

Nuovo piano aria in Emilia Romagna, stop ai diesel Euro 5

Fra le nuove decisioni del Piano Aria Integrato Regionale – 2030 lo stop ai diesel Euro 5 e l’eliminazione di deroghe come quelle che permetteva ai genitori di portare i figli a scuola in auto; le nuove regole disposte in Emilia Romagna comporteranno un rilevante risparmio per le amministrazioni (637.5 milioni di euro solo per la sanità).

Il Pair, presentato in commissione Territorio, ambiente e mobilità, presieduta da Stefano Caliandro è già stato approvato in Regione e ha come obiettivo la riduzione delle emissioni legate alla mobilità. A breve verrà condiviso con 207 comuni. L’inquinamento atmosferico produce, notoriamente, danni all’ambiente e alla salute dei cittadini ma pochi sanno che a farne le spese sono anche i materiali da costruzione che si deteriorano con maggiore facilità e le foreste (a cui oggi è dedicata una Giornata Nazionale) e il loro ecosistema.

Siamo pronti a una commissione sulla siccità – ha detto la vicepresidente della Regione Irene Priolo – I settori che incidono di più sono l’agricoltura, con il 33%, seguita da traffico, con il 27%, il riscaldamento a legna, con il 18%, l’industria, col 9%, altro traffico (aereo, mezzi marittimi e mezzi agricoli) col 6%, il riscaldamento non a legna con meno del 5%. I dati su NO2 (biossido di azoto) “sono il nostro Inno alla gioia”: il valore limite annuale (40 μg/m3) è stato rispettato nel 2020 (effetto lockdown) e nel 2022 dove valore limite orario (200 μg/m3) è stato rispettato in tutte le stazioni. Molto bene anche le PM 2.5, di cui dal 2018 non viene più superato il valore limite annuale (25 μg/m3).

Nuovo piano aria in Emilia Romagna, tutte le novità

Il Pm 10 nel 2022 ha registrato livelli preoccupanti in 12 stazioni nelle province di Ferrara, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini e, alle necessarie limitazioni alla circolazione, si aggiunge l’eliminazione della deroga che permetteva ai bambini di andare a scuola in auto; dopo questa novità annunciato l’arrivo di 2000 nuovi autobus entro il 2030.

Già dal prossimo anno saranno potenziate nuove iniziative per bilanciare la riduzione alla circolazione privata:

  • l’offerta estiva (Bologna-Ravenna-Rimini);
  • l’offerte ferroviarie con agevolazioni per abbonamenti treno+bici (Mi muovo bici in treno);
  • il servizio ferroviario metropolitano di Bologna;
  • le colonnine di ricarica per mezzi elettrici;
  • il trasporto ferroviario delle merci;
  • gli incentivi per le nuove bici elettriche.

Secondo un’indagine sulla percezione della qualità dell’aria 4400 cittadini si sono dimostrati in ansia, tra loro:

  • il 48% è disponibile a cambiare;
  • il 26% non intende modificare lo stile di vita;
  • il26% vuole essere informato meglio con campagne di comunicazione.