Oltre un terzo dell’energia elettrica prodotta in Emilia-Romagna deriva da fonti rinnovabili

Bologna – Oltre un terzo (36%) dell’energia elettrica prodotta in Emilia-Romagna nel 2014, deriva da fonti rinnovabili i cui impianti costituiscono il 30% del totale. Una rete elettrica variegata ed efficiente, che ha visto negli anni crescere la diversificazione nella produzione resa possibile anche grazie agli incentivi pubblici rendendo così competitive nuove forme di generazione basate su fonti rinnovabili.

Di reti e distribuzione dell’energia se ne è parlato in Regione nel corso del convegno “Infrastrutture a rete ed evoluzione verso le smart grid”, primo appuntamento del percorso partecipato per la realizzazione del nuovo Piano energetico regionale dell’Emilia-Romagna e che ha visto coinvolti nella giornata di oggi rappresentanti del Ministero dello sviluppo economico, del mondo dell’università e della ricerca, delle aziende di produzione e distribuzione dell’energia.

L’Emilia-Romagna segue il trend nazionale dell’ultimo decennio, che ha visto una crescente differenziazione del parco di generazione dell’energia, necessaria per garantire la sostenibilità economica ed ambientale del sistema energetico.
In particolare, nel settore elettrico, secondo i dati pubblicati da Terna aggiornati al 2014, gli impianti alimentati da fonti rinnovabili rappresentano circa il 40% della potenza complessiva installata in Italia e il 43% della produzione totale.

Il Piano energetico regionale e il Piano triennale di attuazione puntano a raggiungere entro il 2020 gli obiettivi fissati dall’Unione europea di risparmio energetico e di produzione di energie rinnovabili, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi sull’abbattimento delle emissioni di anidride carbonica.

Secondo i dati diffusi nel corso dell’incontro, l’infrastruttura per la distribuzione elettrica in Emilia-Romagna può contare su un alto grado di efficienza, anche in rapporto alla media nazionale. Infatti se si confrontano la durata media annuale delle interruzioni, senza preavviso, nella fornitura di energia elettrica, l’Emilia-Romagna fa registrare il dato di 38 minuti persi per ogni interruzione, contro i 54 della media nazionale. È poi praticamente dimezzato, rispetto alla media nazionale, il numero medio delle interruzioni lunghe senza preavviso: 2 in Italia, poco più della metà in Emilia-Romagna. Stesso rapporto per quanto riguarda il numero medio delle interruzioni brevi senza preavviso: 2,11 a livello nazionale contro l’1,29 in regione.

 

Altre news dai Punti Sostenibili (Archivio)

Il tuo cibo è il mio cibo, la raccolta dei Mad Dispatches da Slow Food Editore

“Sono un foodie. Sono vegano. Odio la cucina coreana. Adoro la cucina thailandese. Non mi

Redazione 17-07-2019

A RomaEst il riciclo diventa arte con la mostra dell’artista Jane Perkins

Sensibilizzare le coscienze, ispirare le buone abitudini quotidiane, attivare iniziative concrete di sostenibilità e ancora godere

Redazione 16-07-2019

Oltre 421.000 tonnellate di RAEE avviate al trattamento nel 2018

Nel corso del 2018 gli impianti di trattamento iscritti all’elenco obbligatorio gestito dal Centro di

Redazione 16-07-2019

COMMUNITY E NATIVA SIGLANO UN “MEMORANDUM OF INTERDEPENDENCE”

Community Group, il gruppo fondato da Auro Palomba leader italiano nella consulenza strategica nella reputazione

Redazione 15-07-2019

Coldiretti sugli ultimi dati Istat: vacanze +35% agriturismi in Lombardia

Sono 1.688 gli agriturismi in Lombardia con un aumento del 35% rispetto al 2009. E’

Redazione 15-07-2019

Un grande successo per le Case dell’acqua di ACEA: bevi e ricarichi

Roma ha tante peculiarità e una su tutte è certamente la presenza delle fontanelle sparse

Redazione 15-07-2019

Radio Rock per i suoi 35 anni si regala la sostenibilità ambientale

Ha montato, presso la propria sede, un impianto di moduli fotovoltaici che consente alla storica

Redazione 12-07-2019

2° Conferenza nazionale delle Green City a Milano il 16 luglio

La 2^ Conferenza Nazionale delle Green City sarà dedicata al tema “Green city, adattamento climatico

Redazione 12-07-2019