Oltre un terzo dell’energia elettrica prodotta in Emilia-Romagna deriva da fonti rinnovabili

Bologna – Oltre un terzo (36%) dell’energia elettrica prodotta in Emilia-Romagna nel 2014, deriva da fonti rinnovabili i cui impianti costituiscono il 30% del totale. Una rete elettrica variegata ed efficiente, che ha visto negli anni crescere la diversificazione nella produzione resa possibile anche grazie agli incentivi pubblici rendendo così competitive nuove forme di generazione basate su fonti rinnovabili.

Di reti e distribuzione dell’energia se ne è parlato in Regione nel corso del convegno “Infrastrutture a rete ed evoluzione verso le smart grid”, primo appuntamento del percorso partecipato per la realizzazione del nuovo Piano energetico regionale dell’Emilia-Romagna e che ha visto coinvolti nella giornata di oggi rappresentanti del Ministero dello sviluppo economico, del mondo dell’università e della ricerca, delle aziende di produzione e distribuzione dell’energia.

L’Emilia-Romagna segue il trend nazionale dell’ultimo decennio, che ha visto una crescente differenziazione del parco di generazione dell’energia, necessaria per garantire la sostenibilità economica ed ambientale del sistema energetico.
In particolare, nel settore elettrico, secondo i dati pubblicati da Terna aggiornati al 2014, gli impianti alimentati da fonti rinnovabili rappresentano circa il 40% della potenza complessiva installata in Italia e il 43% della produzione totale.

Il Piano energetico regionale e il Piano triennale di attuazione puntano a raggiungere entro il 2020 gli obiettivi fissati dall’Unione europea di risparmio energetico e di produzione di energie rinnovabili, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi sull’abbattimento delle emissioni di anidride carbonica.

Secondo i dati diffusi nel corso dell’incontro, l’infrastruttura per la distribuzione elettrica in Emilia-Romagna può contare su un alto grado di efficienza, anche in rapporto alla media nazionale. Infatti se si confrontano la durata media annuale delle interruzioni, senza preavviso, nella fornitura di energia elettrica, l’Emilia-Romagna fa registrare il dato di 38 minuti persi per ogni interruzione, contro i 54 della media nazionale. È poi praticamente dimezzato, rispetto alla media nazionale, il numero medio delle interruzioni lunghe senza preavviso: 2 in Italia, poco più della metà in Emilia-Romagna. Stesso rapporto per quanto riguarda il numero medio delle interruzioni brevi senza preavviso: 2,11 a livello nazionale contro l’1,29 in regione.

 

Altre news dai Punti Sostenibili (Archivio)

PIU’ DI 4 TONNELLATE DI RIFIUTI RACCOLTI E OLTRE 1000 STUDENTI

730 chilometri, ovvero sette maratone in sette giorni. Sette tappe dal Monviso al delta del

Redazione 17-05-2019

Tutto Bio 2019: viva la venticinquesima!

“Nel 1994, quando uscì la prima edizione di Tutto Bio, non immaginavamo certo di arrivare

Redazione 17-05-2019

Festa del fascino delle piante 2019: gli appuntamenti negli orti botanici lombardi

Immaginate gli orti come tante piccole lampadine, pronte ad accendersi contemporaneamente, sabato 18 maggio, illuminando

Redazione 16-05-2019

Mielizia insieme al FAI – Fondo Ambiente Italiano per Api nei Beni

Dolcezza, Bellezza e Italianità, sono questi i valori all’insegna dei quali in data odierna, presso

Redazione 16-05-2019

Domenica 19 maggio Carrousel Cuccagna – Summer Is Coming

Fioriscono piante, sbocciano fiori, il giardino è tutto verde, il sole sempre più caldo e

Redazione 15-05-2019

Settimana europea dei Parchi 2019. Il programma del 18 e 19 nel Lazio

La Settimana dei parchi del Lazio si svolge ogni anno in prossimità del 24 maggio,

Redazione 14-05-2019

Dal 16 maggio a Bologna il Clorofilla Doc, rassegna di documentari ambientali

Dal 16 maggio ritorna a Bologna Clorofilla Doc, la seconda edizione della rassegna di documentari

Redazione 14-05-2019

A Roma il 18 maggio la Magnalonga in bicicletta, ancora posti disponibili per

Si avvicina l’undicesima edizione della Magnalonga in bicicletta: la passeggiata mangereccia a due ruote che

Redazione 14-05-2019