bosco neve

Passeggiare nella neve di un bosco aiuta a piacersi di più

Camminare fa bene al corpo e alla mente e questo è assodato, ma passeggiare nella neve ci fa sentire addirittura più belli. Piccole dosi di natura sono un aiuto concreto al nostro benessere personale e già esistono programmi sanitari basati su questo concetto.

È qui che si inserisce la ricerca del professore Viren Swami della Anglia Ruskin University, grazie alla quale si è cercato di capire quanto una camminata in un bosco innevato influisca sulla percezione del nostro corpo. Vediamo allora di capire nel dettaglio come i ricercatori sono giunti alla conclusione che camminare in un bosco aumenta l’apprezzamento della propria immagine.

Passeggiare nella neve: i risultati di una ricerca

Il gruppo di Swami si occupa da tempo di indagare come gli ambienti naturali, per esempio il blu del mare o dei fiumi, migliorino la percezione del proprio corpo. Nel caso di quest’ultima ricerca, condotta in collaborazione con l’University of Silesia in Polonia, gli scienziati hanno cercato di capire se lo stesso funziona anche per un bosco innevato.

Nello studio sono state coinvolte 87 giovani donne. I ricercatori hanno chiesto loro di camminare tra la neve del bosco di Cyganski Las in Polonia per una quarantina di minuti. Le giovani hanno registrato, prima e dopo la passeggiata nella neve, le percezioni relative all’apprezzamento del loro corpo.

In particolare è risultato modificato il loro livello di connessione con la natura e auto-compassione. I dati registrati hanno dimostrato che dopo la passeggiata nel gelo invernale l’immagine del proprio corpo veniva percepita meglio, ci si piaceva di più.

Questa ricerca rafforza ancora una volta la teoria secondo la quale il contatto con la natura fa bene non solo ai nostri sensi, ma a tutta la sfera psico-fisica del nostro corpo. Camminare immersi nel verde o negli altri colori della natura regala una sferzata di energia, allenta lo stress e cambia l’umore.